delitti anni 10

Gli ultimi 10 anni hanno visto accadere alcuni dei fatti di cronaca più efferati dell’ultimo secolo. Oltre a scatenare una profonda indignazione a livello sociale, ed ha visto allo stesso tempo alcuni dei progressi scientifici maggiori degli ultimi anni.

Yara Gambirasio

Uno dei casi che ha sconvolto maggiormente l’opinione pubblica è quello di Yara Gambirasio. La piccola Yara, scomparsa dopo essere andata in palestra il 26 novembre 2010, è stata ritrovata mesi dopo morta in un campo di Chignolo d’isola. 

Per cercare il suo assassino c’è stato un grande dispiegamento di forze, e per la prima volta è stata fatta un’analisi scientifica a tappeto. La ricerca di Ignoto 1 è durata anni e solo nel 2014 è stato individuato Massimo Bossetti, muratore di Mapello. Benché Bossetti si sia sempre dichiarato innocente, è stato condannato per l’omicidio di Yard in 3 gradi di giudizio.

Il caso Cucchi

Forse la sentenza più storica di questi ultimi 10 anni è stata pronunciata poco più di un mese fa: si tratta della sentenza che ha condannato alcuni carabinieri per la morte di Stefano Cucchi. La lotta della famiglia Cucchi è iniziata nel 2009 ma è nei successivi 10 anni che la battaglia giudiziaria ha stravolto l’Italia. Per la prima volta l’Arma dei carabinieri si è trovata apertamente sotto accusa, ed alcuni dei suoi militari sono finiti alla sbarra, Il 14 novembre ci sono state, per la prima volta, due condanne per omicidio preterintenzionale.

Delitto di Avetrana

Un piccolo paese, una famiglia apparentemente molto unite, due cugine legate tra di loro ma divise da un ragazzo: è la storia di Sarah Scazzi, bella 15enne di Avetrana. Dopo la sua scomparsa, si è manifestata per la prima volta la faccia “mediatica” della medaglia della cronaca: da subito Sabrina Misseri, cugina della ragazza, è intervenuta in numerose trasmissioni televisive finché non è diventata lei stessa una degli indagati per l’omicidio della cugina. Alla base del delitto si pensa ci sia stato un rancore tra le cugine: Sarah aveva raccontato di una delusione d’amore della cugina (che era stata rifiutata dal ragazzo che le piaceva, Ivano Russo) e Sarah lo aveva raccontato in giro. In un paese piccolo come Avetrana si trattava con ogni probabilità di un’onta per Sabrina Misseri. Sabrina e sua madre, Cosima Serrano, sono state condannate all’ergastolo in via definitiva.

La morte di Lorys Stival

Una delle figure più istrioniche conosciute e studiate negli ultimi anni, in ambito di cronaca nera, è sicuramente Veronica Panarello. Divenuta immediatamente “madre più odiata d’Italia”, raccogliendo lo scettro che fu di Annamaria Franzoni.

Lorys Stival, figlio di Veronica, venne trovato morto in un canalone, strozzato con delle fascette di plastica, a Santa Croce Camerina. Veronica Panarello stessa aveva denunciato la scomparsa ma tutti i sospetti si sono subito concentrati su di lei: la donna nel tempo ha però dato diverse (e contraddittorie) versioni dei fatti, assumendo comportamenti bizzarri e difficilmente comprensibili. Anche Veronica Panarello è stata condannata a 30 anni perl’omicidio di suo figlio. Suo marito, Davide Stival, ha chiesto il divorzio e quasi tutta la sua famiglia si è allontanata da lei.