Samira El Attar

Svolta nel caso della scomparsa di Samira El Attar, la madre di 43 anni scomparsa ad ottobre a Stanghella. Il marito è stato infatti iscritto al registro degli indagati: per gli inquirenti potrebbe essere colpevole di omicidio e occultamento di cadavere.

La scomparsa della moglie

Tra pochi giorni saranno 2 mesi esatti dalla scomparsa di Samira El Attar, di cui non si hanno notizie dal 21 ottobre. La donna era scomparsa dopo aver accompagnato la figlia a scuola in bicicletta. È stata cercata nei fossi e nelle strade di campagna, ma di lei nessuna notizia.


Nelle scorse settimane, però, il caso aveva preso alcuni contorni inquietanti e l’occhio del sospetto si era fissato sul marito, Mohamed Barbri. Alcuni conoscenti l’avevano dipinto come un uomo violento ed aveva destato sospetto l’anomalo taglio di capelli di Samira. Si era infatti parlato di possibile taglio punitivo. Inoltre, Chi l’ha visto? si era anche confrontato col cugino di Mohamed, secondo alcune loro fonti molto temuto da Samira. Nei giorni scorsi, infine, il ritrovamento di un paio di scarpe, potenzialmente appartenenti alla donna.

Il marito indagato per omicidio

Le scarpe erano state trovate proprio dall’uomo.

Per il programma di Rai 3, una strana coincidenza: le avrebbe trovate in un punto poco distante dalla strada in cui lui stesso si era fermato, con le telecamere del programma, per suggerire dove cercare tracce della donna.
Forse c’è anche questo elemento tra i motivi per cui, come riportato dal Corriere della Sera, la Procura di Rovigo ha iscritto al registro degli indagati Mohamed Barbri. La notizia è stata divulgata questa mattina, ma l’iscrizione sarebbe stata fatta settimana scorsa. L’uomo ora risulta indagato per l’omicidio e occultamento di cadavere della moglie Samira.

Lui nega ogni accusa

Sulla questione, si è espresso il diretto interessato mercoledì mattina a Storie Italiane. Qui ha detto: “Non ho nemmeno capito che cosa voglia dire essere nel registro degli indagati. Io non c’entro niente con la scomparsa di mia moglie. Io la amo e voglio continuare a cercarla. Sono completamente innocente“.
Sulla stessa linea anche il suo avvocato, del quale riporta le parole il Corriere della Sera: “Mohamed adesso ha deciso di non rilasciare più interviste […] Si è reso conto che tutte le dichiarazioni che ha rilasciato con il suo italiano molto stentato l’hanno messo nei guai“.

Samira El Attar continua a essere scomparsa e l’ipotesi di un allontanamento volontario sembra definitivamente tramontare, ora che il marito è indagato per il suo omicidio.