Giorgia e Andrea Bocelli a Sanremo nel 1994

Si è conclusa ieri sera la 13° edizione di Sanremo Giovani, che ha decretato quali saranno i 5 cantanti che faranno parte delle Nuove Proposte nella prossima edizione del Festival di Sanremo. Assieme a loro, anche 2 cantanti dell’Area Sanremo e 1 proveniente dal format Sanremo Young. Il programma nel corso degli anni è stato un trampolino di lancio per tanti giganti della nostra musica.

La prima edizione risale al 1993

Bisogna tornare indietro di 27 anni per trovare le origini di Sanremo Giovani, il format satellite del grande Festival della Musica Italiana.

Prima di allora, spettava per lo più alla categoria Novità o Nuove proposte lanciare le nuove promesse. Da quell’anno, invece, si decise di creare questo spazio apposito, che da allora anticipa i volti della musica italiana.
Tutto questo già a partire dalla prima edizione, vinta da una giovane Giorgia con la canzone Nasceremo. In quella prima edizione, vanno segnalati anche Irene Grandi e soprattutto Andrea Bocelli, che in quell’edizione si è esibì con il celebre brano Miserere.

Grignani, Paola & Chiara e gli altri: il trionfo degli anni ’90

Anno dopo anno, Sanremo Giovani ha continuato a rappresentare l’ideale trampolino di lancio per tanti grandi cantanti.

Non serve infatti vincere Sanremo per iscrivere una canzone nella memoria e lo sa bene Gianluca Grignani, che nel 1994 ha partecipato al programma con La mia storia tra le dita, poi diventata hit di successo. Nella stessa serata, si era esibito anche Daniele Silvestri.
Storie di successi, ma anche di fallimenti. Ne sa qualcosa il cantante Mikimix, escluso dalla seconda serata nel 1995. Ci ha riprovato l’anno successivo (1996), riuscendo ad approdare sul palco di Sanremo assieme a gente come Niccolò Fabi, Alex Baroni e Paola&Chiara.

Dopo quell’esperienza, Mikimix decise di cambiare nome d’arte e farsi conoscere come… Caparezza.

Il successo di Annalisa Minetti

La penultima edizione di Sanremo Giovani del secolo risale al 1997 e ha contribuito a lanciare la magica annata di Annalisa Minetti. La cantante è stata l’unica a fare la doppietta e vincere sia nella categoria Giovani che in quella Campioni. Tutto cominciò però dal palchetto di dicembre, dove vinse con “L’eroe che sei tu“.
Nel 1998 l’ultima edizione prima di una pausa di due anni, con un format diverso: niente eliminatorie, ma la presentazione dei giovani già scelti da una giuria.

Tra loro, Alex Britti e Max Gazzé.

Il breve ritorno dei primi 2000

Anche l’edizione 2001 non prevedeva una vera e propria gara, ma solo l’esibizione di cantanti scelti dalla commissione Rai. Nelle serate presentate da Vanessa Incontrada, spicca il nome di Anna Tatangelo. L’anno successivo si è riprovato di nuovo con un formato a eliminazione, che è costato la partecipazione ad un cantante che il festival lo avrebbe poi eventualmente vinto (nel 2006): parliamo di Simone Cristicchi, fuori da Sanremo Giovani 2002, dove invece passò Dolcenera.

Quell’edizione il programma cambiò anche nome in Destinazione Sanremo.

Le edizioni dal 2015 ad ora

Ben 13 anni di pausa. Tanto è durata la sospensione di Sanremo Giovani. I cantanti novelli venivano selezionati con altre diverse modalità, quali audizioni private. Il 2015 però è stato l’anno del lancio dell’hashtag #SG e del ritorno del programma. Pronti via, in quell’edizione 6 cantanti ottennero l’accesso alla sezione Nuove Proposte, tra cui la vincitrice Amen di Francesco Gabbani. L’edizione 2017 ha offerto un antipasto di quanto visto poi sul palco dell’Ariston. Sono passati infatti da qui Mirkoeilcane con Stiamo tutti bene e Il Ballo delle Incertezze di Ultimo (vincitore della sezione Nuove Proposte del 2018).

Il doppio trionfo di Mahmood

Infine, l’edizione dell’anno scorso, che a suo modo ha contribuito a segnare la storia. Due i vincitori delle serate condotte da Pippo Baudo e Fabio Rovazzi: Einar e Mahmood. Il secondo ha vinto la sua serata con Gioventù Bruciata, per poi vincere anche il Festival dal 2019 con la canzone Soldi. L’unico a riuscire nella doppietta dai tempi di Annalisa Minetti. La riprova insomma della capacità di questo format di anticipare i tempi e i risultati della musica italiana.

Ora toccherà ai nuovi 5 vincitori spiccare e scrivere il proprio nome nella storia del programma.

Toccherà a Eugenio in via di Gioia, Fadi, Fasma, Leo Gassmann e Marco Sentieri. Prima di loro grandi nomi: nessuna pressione, ragazzi.