TV e Spettacolo

Tiberio Timperi ricorda il Natale peggiore di sempre: “Avevo otto anni”

il conduttore ricorda il Natale più brutto della sua vita, quello segnato dall'assenza della madre, in ospedale per una malattia
tiberio timperi ricorda il Natale peggiore senza la mamma

Quando si pensa al Natale dei vip si immagina sempre un camino scoppiettante in uno chalet di Courmayeur. Ma anche le celebrities hanno i loro ricordi di Natali dolorosi, sofferti, malinconici. E il settimanale Di Più li sta raccogliendo tutti come figurine in album, dal titolo emblematico: “I personaggi famosi raccontano il Natale che non dimenticheranno mai”. Questa settimana è toccata a Tiberio Timperi che, dopo aver già confessato un episodio doloroso del passato, ha nuovamete riaperto il suo cassetto dei ricordi, per “ripescare” un Natale senza la mamma. Probabilmente il peggiore di sempre.

“Mi sono svegliato triste”

Avevo otto anni e credevo ancora a Babbo Natale. Erano giorni particolari perché mia mamma Tina, che poi mi ha lasciato, aveva iniziano a non stare bene e si trovava in ospedale”. Tiberi racconta quei giorni di festa, i più belli dell’anno per i bambini, segnati dalla sofferenza per l’assenza della persona più importante: la mamma. Tiberi ricorda il clima di quei giorni infernali “non era quello gioioso delle feste” e guarda avanti sottolineando come quel ricovero avrebbe poi segnato l’inizio di una malattia che avrebbe portato la madre alla morte.

 “Mi sono svegliato triste. Mi mancava mia madre”.

https://www.instagram.com/p/B6TyB3foE50/

Il gesto di papà Flavio

Speciale è stato l’intervento del padre che – come spesso avviene nelle famiglie segnate da un momento di difficoltà, specie se nei giorni di festa – ha fatto di tutto per fare da padre e da madre, provando a regalare delle gioie al figlio, nonostante tutto. “Nonostante l’assenza della mamma, mio papà Flavio ha voluto rendere quel Natale speciale come gli altri anni, così mi ha regalato dieci macchinine.

Ero felice, ma mia mamma mi mancava e avrei restituito tutte quelle macchine pur di vederla guarita” ha poi dichiarato. “Chiudi gli occhi. Domattina troverai una sorpresa, mi ha detto la sera prima di andare a dormire”. Sono passati 47 anni, ma certi ricordi non svaniscono e il Natale, purtroppo, è sempre un infallibile promemoria.

Tiberio Timperi ricorda il Natale
Tiberio Timperi

Potrebbe interessarti