mogadiscio

Un attentato ha avuto luogo questa mattina a Mogadiscio, capitale somala, dove un’autobomba ha provocato decine di morti e feriti. L’attacco sarebbe avvenuto vicino un centro per la raccolta delle imposte, come riporta Al Jazeera, mentre Reuters riporta che l’obiettivo sarebbe stato un checkpoint. Le vittime accertate sono state inizialmente tra le 20 e le 30 persone, ma fonti del luogo riportano di almeno 60 morti e decine di feriti. Per il momento nessun gruppo terroristico ha rivendicato l’attentato, ma i sospetti si concentrano su Al-Shabab, gruppo islamista radicale molto attivo nella regione.

Autobomba a Mogadiscio: decine i morti

La capitale della Somalia è di nuovo sotto attacco: un’autobomba è esplosa in uno snodo affollato di Mogadiscio, colpendo decine di persone. Tra queste anche bambini e studenti universitari che stavano viaggiando in bus. I testimoni hanno parlato di una vera e propria carneficina, con decine di cadaveri in strada e feriti gravi trasportati in ospedale.

I principali indiziati per l’attacco sono i militanti del gruppo Al-Shabab, collegato al network terroristico di Al Qaeda. Il gruppo è stato cacciato dalla capitale diversi anni fa, ma continua ad imperversare in vaste aree del Paese.

Lo scorso 10 dicembre ha rivendicato un attentato in un hotel di Mogadiscio, vicino il palazzo presidenziale, dove ha causato un numero non accertato di vittime.