volante della polizia

Appena due giorni era emerso che Paola Galeone, prefetto di Cosenza, 58 anni, era indagata per corruzione. Ora una importante novità nel suo caso: la Squadra mobile di Cosenza ha infatti eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari.

Galeone ai domiciliari

Su provvedimento disposto dal gip dopo la richiesta della procura, gli agenti hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari per il prefetto di Cosenza Paola Galeone. Al prefetto è accusato di corruzione.

A denunciare tutto alla polizia sarebbe stata un’imprenditrice. Il Prefetto sarebbe stato videoripreso dagli agenti della Squadra mobile di Cosenza proprio mentre riceveva una mazzetta da 700 euro. La consegna della mazzetta sarebbe avvenuta all’interno di un bar di Cosenza. Paola Galeone “avrebbe proposto all’imprenditrice di emettere una fattura fittizia di 1.220 euro allo scopo di intascare la parte di fondo di rappresentanza accordata ai prefetti“, rivelava Ansa qualche giorno fa.