Luca Barbieri, il jumper deceduto a Caltanissetta

Tragico incidente a Caltanissetta, dove un giovanissimo jumper di 25 anni è morto durante un lancio. Il dramma si è consumato sotto gli occhi impotenti della fidanzata che era con lui. Lei, originaria di Catania, l’aveva accompagnato; i due si trovavano in Sicilia per le feste.

Pochi mesi fa aveva perso un amico allo stesso modo. Luca era un jumper esperto, aveva anche partecipato ad un programma tv su Canale 5.

Incidente con la tuta alare

Il dramma si è consumato in provincia di Caltanissetta, dove il giovane jumper 25enne, Luca Barbieri, si era recato con un’amica per un lancio.

Secondo una primissima ricostruzione, Barbieri si è lanciato da un viadotto, pare però che alla fine del volo libero il paracadute non si è aperto e l’atleta si è schiantato al suolo.

Il viadotto è il San Giuliano, interdetto al traffico da 3 anni per questioni di sicurezza. Luca era lì con la fidanzata che ha assistito impotente alla scena.

Una prima dinamica

L’incidente si è verificato intorno alle 11 di questa mattina, Luca Barbieri si è lanciato da un’altezza di 60 metri.

Al momento quello che non è chiaro è se l’atleta abbia eseguito un lancio con tuta alare o di base jumping. In ogni caso qualcosa è andato storto e il ragazzo è morto sul colpo.

Immediati i soccorsi allertati dall’amica che era con lui. Sul luogo sono arrivate ambulanze ed elisoccorso di Caltanissetta. La salma è stata trasportata presso l’obitorio dell’ospedale Sant’Elia a Caltanissetta appunto.

Un atleta professionista

Luca Barbieri era un professionista degli sport d’aria. Jumper esperto aveva partecipato insieme ad altri colleghi a Tu si que Vales tre anni anni fa.

Barbieri aveva alle spalle una lunga carriera fatta di migliaia di salti in tutto il mondo, prima del viadotto si era allenato in altre zone.

Credits immagine in alto: Facebook/Luca Barbieri