Stazione della metro A Ponte Lungo

La tragica notizia del suicidio di una 15enne nella metro di Roma, nella giornata di ieri, si è arricchita di nuovi, tristi dettagli. Prima di buttarsi sotto il treno della metropolitana, la giovane avrebbe mandato un messaggio vocale ad alcune compagne, avvisandole del gesto. Pochi anni fa la 15enne aveva perso il padre.

Ha mandato un vocale alle amiche prima del suicidio

Contrariamente a quanto inizialmente emerso, la 15enne che si è suicidata sotto la metro a Roma non era in compagnia delle amiche. Non fisicamente, almeno. Nell’era social e della connessione, però, ci sono altri modi per “essere insieme” e questa sembrerebbe essere stata la strada scelta dalla giovane 15enne morta suicida nella giornata di ieri.


Secondo quanto ricostruito, la ragazzina frequenta la seconda liceo in un istituto del quartiere San Giovanni, dove si pensava fosse diretta ieri mattina, una volta uscita di casa. A scuola però non ci è mai arrivata. Si è diretta alla fermata di Ponte Lungo, sulla metro A e alle 10.10 si è gettata sotto il treno. Prima di farlo, tuttavia, il Corriere della Sera riporta che la giovane avrebbe mandato un messaggio vocale alle amiche.

Il gesto dovuto al dolore per la scomparsa del padre

Sempre secondo il quotidiano, nel messaggio audio inviato alle compagne di classe la giovane 15enne avrebbe dichiarato la sua intenzione di suicidarsi. Una minaccia che si è subito tramuta in fatti, rendendo quel vocale l’equivalente di un’ultima lettera. Nello stesso, riporta il Corriere della Sera, la 15enne avrebbe addossato il peso del suo estremo gesto al dolore per la scomparsa del padre, avvenuta nel 2018. Quindi le scuse e un pensiero alle amiche, fondamentali nell’ultimo drammatico periodo.

Viene infatti riportato che la 15enne avrebbe detto che senza di loro “altrimenti lo avrei fatto due anni fa, non ce la faccio più“.

Le amiche hanno avvisato la preside

Una volta ricevuto il messaggio, le compagne l’avrebbero preso subito molto seriamente. Hanno riferito tutto alla preside e insieme hanno contattato la madre della giovane. Da qui la corsa al commissariato, mentre nello stesso momento dalla metro di Ponte Lungo arrivava la tragica notizia di una ragazzina che si era buttata sotto il treno. A confermare la dinamica, riporta il Corriere, le telecamere della sorveglianza e le testimonianze di chi l’ha vista compiere quel gesto estremo.