spalle di un anziano

5 indagati per maltrattamenti ai danni di un anziano in una comunità-alloggio di Palermo: è la notizia, riportata dall’Ansa, che arriva a poche ore da un altro caso di cronaca, riguardante le terribili violenze che un 82enne avrebbe subito tra le mura domestiche, a Cosenza. La vittima delle atrocità segnalate nella struttura siciliana ha 84 anni e risulterebbe affetta da grave invalidità. Nel fuoco d’indagine oltre 100 episodi violenti, cristallizzati dalle intercettazioni audio e video disposte dagli inquirenti.

84enne invalido picchiato e vessato

Ci sarebbero 5 indagati, sottoposti a misura cautelare del divieto di dimora, nell’ambito delle indagini sulle violenze ai danni di un 84enne, ospite di una comunità-alloggio di Palermo.

4 di loro sarebbero appartenenti a un unico nucleo familiare.

Tutti sarebbero accusati, a vario titolo, di maltrattamenti aggravati nei confronti dell’anziano, invalido e costretto, secondo quanto emerso, a una spirale di violenze verbali e fisiche impresse in sconvolgenti intercettazioni.

Secondo Ansa sarebbero oltre 100 gli episodi registrati in sede di indagine, tra audio e video che documenterebbero un fitto tessuto di condotte vessatorie e lesive della dignità umana. L’uomo sarebbe stato picchiato, immobilizzato e umiliato con frasi come “Maledetto vecchio“.

La ricostruzione delle violenze

Le intercettazioni, dunque, avrebbero dato un fondamentale contributo alle indagini della polizia, che avrebbe così smascherato la rete di orrori all’interno della struttura.

Nel mirino dell’attività investigativa la condotta dei 5, poi iscritti nel registro degli indagati: il titolare e 3 parenti (padre, madre e fratello) e, secondo quanto riportato da SkyTg24, anche una badante. Tutti avrebbero avuto un ruolo nella gestione della comunità-alloggio.

Secondo quanto emerso, l’anziano sarebbe stato vittima di percosse e vessazioni perché avrebbe arrecato “disturbo” agli operatori e agli altri ospiti, lamentandosi per i dolori dovuti alle sue gravi condizioni di salute.

La struttura, che risulta essere privata, sarebbe stata chiusa e sono in corso ulteriori accertamenti. Al momento non sarebbero stati segnalati episodi di violenza ai danni di altri ospiti.