elisoccorso in volo

Arrivano in questi momenti drammatiche notizie dalla provincia di Lucca, precisamente dal comune di Altopascio dove un uomo di origine brasiliana di 42 anni, di fronte alla notizia dello sfratto, si sarebbe dato fuoco per protesta.

Morto dopo il ricovero al Centro grandi ustioni

AGGIORNAMENTO DEL 14 GENNAIO 2020 – Non ce l’ha fatta purtroppo l’uomo di 42 anni che ieri si è dato fuoco in protesta per lo sfratto ricevuto nella sua dimora di Lucca. Dopo essere stato ricoverato in condizioni disperate e con gravi ustioni al Centro Grandi Ustioni dell’Ospedale di Pisa, l’uomo è deceduto questa mattina.

Ricevuto lo sfratto si dà fuoco: è gravissimo

Questa mattina la notizia arrivata dall’ufficiale giudiziario che lo informava dell’ordinanza esecutiva di sfratto dalla sua abitazione, poi l’insano gesto. In protesta allo sfratto ricevuto, così un brasiliano avrebbe deciso di opporsi dandosi fuoco. Un gesto estremo che ha richiesto l’immediato intervento dei soccorritori: giunti sul luogo e valutate le critiche condizioni del 42enne – di cui non si hanno notizia circa l’identità – si è deciso per l’immediato trasferimento in elisoccorso all’ospedale Cinisello di Pisa dove è stato ricoverato in gravissime condizioni.

Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, l’uomo si sarebbe prima cosparso di liquido infiammabile nella cucina dell’appartamento al primo piano dove viveva per poi aprire anche il gas.