Samira El Attar e il marito Mohamed Barbri

Di questi minuti un importante aggiornamento sul caso della scomparsa di Samira El Attar. Numerose fonti riportano che il marito Mohamed Barbri è stato arrestato in Spagna: l’uomo è accusato di omicidio e occultamento di cadavere e dal 01 gennaio aveva fatto perdere le sue tracce.

Arrestato in Spagna dopo 14 giorni di fuga

A rilanciare la notizia sono stati i quotidiani locali, che hanno riportato una nota dei Carabinieri di Padova. In questa, si legge: In collaborazione con la Polizia iberica è stato rintracciato il cittadino marocchino, 40enne, Barbri Mohamed, indagato per l’omicidio e l’occultamento di cadavere della moglie Samira El Attar“.


L’uomo era fuggito dal paese di Stanghella il 01 gennaio, dopo che le indagini stavano puntando nella sua direzione. Troppi i punti strani nella vicenda, come i ritrovamenti di oggetti fatti fare proprio dal marito della donna, scomparsa ad ottobre.

La Procura aveva chiesto un mandato d’arresto europeo

Sempre i quotidiani locali riferiscono che a seguito della fuga di Mohamed Barbri la Procura di Rovigo aveva emanato un mandato di arresto valido in tutta Europa. Si temeva tuttavia che dopo il passaggio in Spagna l’uomo fosse già fuggito in Marocco, dove si sospettava che Mohamed avesse un’altra famiglia.

Il mandato non avrebbe avuto più validità.

Ora le autorità iberiche hanno in custodia l’uomo, che salvo sorprese tornerà in Italia entro una decina di giorni. Qui, si spera, potrà dire la verità circa la sua fuga e la scomparsa, ormai presunta morte, di Samira El Attar.

Preso a Madrid dopo un controllo causale

AGGIORNAMENTO ORE 15.00 – Nella conferenza stampa che ha seguito la notizia del suo arresto, il procuratore Carmelo Ruberto ha dichiarato che Mohamed Barbri è stato fermato a Madrid durante un controllo casuale.

Il 40enne marito di Samira sarebbe arrivato nella capitale spagnola con un Flixbus da Milano. La Procura ne ha chiesto l’estradizione.