stefano bettarini

L’ex calciatore e personaggio televisivo Stefano Bettarini è stato ospite a Rivelo, programma condotto da Lorella Boccia in onda su Real Time. Durante l’intervista Bettarini si lascia andare e racconta molto della sua vita privata: dai tradimenti, alla separazione con la showgirl Simona Ventura, fino alla drammatica aggressione ai danni del figlio Niccolò

Il matrimonio con Simona Ventura

Il calciatore e la soubrette convolano a nozze nel 1998 e dal loro felice matrimonio nascono i loro due figli: Niccolò (1998) e Giacomo (2000). Purtroppo però il loro amore non dura, nel 2004 si separano fino a divorziare quattro anni più tardi, nel 2008.

All’inizio il loro non è un allontanamento pacifico, anzi, ma qualche anno più tardi, pensando al bene dei loro figli lasciano le loro vicende da parte e instaurano un rapporto amichevole.

Intervistato dall’ex ballerina di Amici, Lorella Boccia, Bettarini apre il suo cuore e ritorna a parlare dei problemi che ha condiviso con Simona Ventura: “Le mie dichiarazioni sui tradimenti reciproci durante il matrimonio con Simona Ventura? Lì hanno voluto cavalcare l’onda dicendo che i tradimenti erano stati durante il matrimonio, ma in realtà, quando feci i nomi, erano tutte storie avvenute dopo la separazione“.

E ancora: “Al GF dissi che non riuscivo a superare la separazione, il divorzio, perché comunque per me è stato un lutto… ho sofferto io, hanno sofferto i miei figli… me la sono portata dietro per tanto tempo… il lutto è una cosa molto più tragica, però io l’ho vissuta in maniera devastante“. 

Stefano Bettarini arriva a parlare anche di Gerò Carraro, ex compagno di Simona Ventura. Confessa che i suoi rapporti con Carraro non sono mai stati tanto amichevoli e rivela: “Ci ha messi contro, in un certo qual modo… il suo modo di porsi e di metter bocca nel nostro rapporto, che non gli competeva… Una persona deve entrare in punta di piedi… deve voler bene ai figli non suoi come se lo fossero… Questo attrito non giovava ad avere un buon rapporto con la mia ex moglie e a fare in modo che questa famiglia allargata potesse funzionare“, riporta il Giornale.

La drammatica aggressione al figlio

Lorella Boccia si spinge poi fino a parlare del drammatico evento che ha colpito Niccolò, aggredito a pugnalate fuori da una discoteca di Milano.

Bettarini dunque, racconta i tragici minuti successivi all’evento: “Sono stato svegliato la mattina da un mio amico che mi è venuto a suonare il campanello… ‘guarda Stefano, tuo figlio è grave, è in fin di vita, l’hanno accoltellato all’uscita di un locale’“. E ancora: “Sono volato immediatamente a Milano, mentre andavo ho chiamato la mamma, che era a sua volta fuori, e mi ha un po’ tranquillizzato dicendo che aveva parlato con la ragazza e che non era in fin di vita. Però fino a quanto non lo vedi con i tuoi occhi non credi… In quel momento ti passano mille cose per la testa. Poi ho visto che aveva preso 13 coltellate però fortunatamente nessuna di queste aveva leso organi vitali“.