bruno vespa in studio a porta a porta

Ieri sera, durante la partita Juve-Roma di Coppia Italia è andato in onda il promo per lanciare l’intervista a Matteo Salvini sulle regionali che sarebbe andata in onda dopo la fine del match. In breve tempo si è scatenata la rabbia di Pd e Italia Viva che hanno accusato la Rai di aver mandato in onda un comizio del leader della Lega. Poco dopo sono arrivate le scuse di Bruno Vespa che con Porta a Porta avrebbe mandato in onda quella intervista.

L’accusa di Nicola Zingaretti

A Salvini consentito dalla Rai un solitario comizio durante l’intervallo della partita Juventus-Roma in piena campagna elettorale per l’Emilia Romagna.

Mai così in basso, altro che libertà e autonomia. E lo chiamano servizio pubblico“, la voce di Zingaretti arriva tramite Twitter e non è stata l’unica.

Anche Michele Anzaldi, di Italia Viva e segretario della commissione parlamentare di Vigilanza, è andato all’attacco contro la Rai e ha chiesto di “rimuovere Foa dal cda per dare all’azienda un vero presidente di garanzia“.

Michele Bordo, vicecapogruppo Pd alla Camera dei Deputati, rincara la dose: “Gravissimo quanto è avvenuto nell’intervallo della partita Juventus-Roma di Coppa Italia su Rai 1 dove, nella pausa, è stato trasmesso uno spot elettorale, perché di questo si tratta, a Matteo Salvini sul voto in Emilia-Romagna“.

Poi dà voce a molti del pubblico che ieri ha commentato quanto accaduto sui social: “Nella Rai pagata con i soldi degli italiani mai si era arrivati a questo livello con un servizio pubblico piegato all’arroganza del potere. I cittadini pagano il canone e gli stipendi dei manager della Rai per servire gli interessi generali e non quelli della Lega di Matteo Salvini.

Non c’è altro tempo da perdere, se ne vadano tutti a casa per evitare l’agonia del servizio pubblico“.

La replica di Bruno Vespa

Bruno Vespa è abituato alla polemica. Il conduttore e giornalista viene spesso criticato per il modo di condurre interviste e scelte editoriali. Quella di ieri è solo l’ennesima critica che lo travolge e, a detta sua, se ne assume tutta la responsabilità. “Secondo le tradizioni di ‘Porta a porta’ ieri e oggi Nicola Zingaretti e Matteo Salvini sono stati nostri ospiti entrambi per 53 minuti.

Identico tempo in video e in voce abbiamo dato a Stefano Bonaccini e Lucia Borgonzoni, non trascurando di dar brevemente voce anche alle liste minori. Gli spot con Zingaretti e con Salvini sono andati entrambi in onda nell’intervallo delle partite di Coppa Italia“, riassume. “Per una svista della redazione – di cui mi assumo come sempre la responsabilitàil tempo di parola di Salvini è stato maggiore di quello di Zingaretti (che ha condiviso lo spazio con Giorgia Meloni) e di maggiore impatto politico“, si legge in un comunicato di Vespa. “Proporrò alla direzione di Raiuno di riequilibrare le posizioni ‪domani sera‬ nello spot di Porta a porta che andrà durante Don Matteo“, si spiega. Questa sera, quindi, la Rai, televisione di Stato, provvederà a mettere una pezza a quanto accaduto ieri.