Spettacolo

Il testo di “Lo sappiamo entrambi”, canzone di Riki a Sanremo 2020

Approda per la prima volta al Festival di Sanremo con un forte carico emotivo il cantante Riki, ex di Amici di Maria De Filippi. Il testo di "Lo sappiamo entrambi", il suo brano in gara a Sanremo 2020
riccardo marcuzzo

Anche lui, come molti altri cantanti della categoria Big in gara a Sanremo, è nato forgiato da Amici di Maria De Filippi. Per la prima volta a Sanremo arriva Riki, nome d’arte di Riccardo Marcuzzo, che rispolvera una melodia tipicamente sanremese sul quale ha deciso di cucire il testo della sua Lo sappiamo entrambi. Il testo della canzone in gara a Sanremo 2020.

Riki al Festival con Lo sappiamo entrambi

Non da un lato, ma nemmeno dall’altro: così, in medias res, si presenta il cantante Riki. “La mia canzone parla di una via di mezzo, quando hai una relazione e sei a metà, nel senso che ormai sta per finire non te lo vuoi dire, sei nella stessa stanza hai quest’altra persona la guardi e c’è nell’aria qualcosa che aleggia, che vibra, però va avanti, va avanti la routine, va avanti tutto“, racconta l’ex del talent della De Filippi.

Intanto però, ben al di là del brano stesso, c’è l’emozione immaginandosi sul palco dell’Ariston: “La cosa più importante non è partecipare, quello è un luogo comune, è una frase fatta. La cosa più importante è emozionare ed emozionarsi, insomma arrivare alla gente“. Il testo di Lo sappiamo entrambi, il suo brano in gara al Festival di Sanremo svelato da TvSorrisi&Canzoni.

Il testo di Lo sappiamo entrambi:

Le luci si spengono
Mentre il tempo sbiadisce nascosto in disparte
E ascolta fissandoci
Tra storie che scorrono
Le osserviamo cambiare e troviamo cambiati solo noi
Restiamo distanti restandoci accanto
Non lo noti anche tu?
Nei nostri sguardi che si sfiorano per strada e per sbaglio.

A mezz’aria e senza alzarsi di più
Però qualcosa non torna
Tralasciando i ricordi che ho di te
Ti scrivo e dopo cancello
Non ti scrivo che tanto è inutile
Io fisso il vuoto che è a pezzi e tu
Ti addormenti guardando la tivù.

Chissenefrega di noi se non so
Quello che vuoi se non parli
Se ci diciamo di sì ma fingiamo
E lo sappiamo entrambi
Parole che inciampano
Le sprechiamo in silenzi sfogandole addosso
E poi sul telefono.

Trattieni i respiri e li aggiusti in un fiato
Ti diverti e ti annoi
Da adesso in poi non darmi mai e non darlo mai per scontato
Non rispondi se ti chiedo di noi
Però qualcosa non torna
Tralasciando i ricordi che ho di te
Ti scrivo e dopo cancello
Non ti scrivo che tanto è inutile.

Io fisso il vuoto che è a pezzi e tu
Ti addormenti guardando la tivù
Chissenefrega di noi se non so
Quello che vuoi se non parli
Ci riproviamo ma la voce singhiozza
Urlami in faccia rinfaccia e vai
Silenzio in mezzo e dopo un po’
Il frastuono e poi il silenzio ancora.

Però qualcosa non torna
Tralasciando i ricordi che hai di me
Mi scrivi e dopo cancelli
Non mi scrivi che tanto è inutile
Io fisso il vuoto che è a pezzi e tu
Ti addormenti guardando la tivù
Chissenefrega di noi se non so
Quello che vuoi se non parli
Se ci diciamo di sì ma fingiamo
E lo sappiamo entrambi.

Potrebbe interessarti