Auto della polizia e poliziotto

L’ennesimo caso di femminicidio arriva dalla provincia di Trapani, dove la Polizia ha arrestato un uomo di 53 anni per aver ucciso la moglie, ritrovata morta nel letto con diversi segni di echimosi. Secondo i primi sopralluoghi, la donna è stata picchiata per tre giorni prima di spirare.

I soccorsi chiamati dal marito

A riportare la vicenda e le prime dichiarazioni del caso è l’Adnkronos. Protagonista della vicenda sarebbe Vincenzo Frasillo, 53enne di Mazzara del Vallo accusato dell’omicidio della moglie, la 52enne Rosalia Garofalo.
Secondo la fonte, è stato lo stesso uomo a richiedere l’intervento del sanitari, chiamando il 118 per segnalare la morte della moglie.

Al loro arrivo, polizia e operatori medici avrebbero trovato la donna riversa sul letto: sul suo corpo, numerosi segni di gravi percosse.
L’uomo è stato condotto al commissariato e interrogato, ma le prime rilevazioni hanno fatto emergere un quadro drammatico sugli ultimi giorni della donna.

Picchiata per tre giorni, senza ricevere aiuto

Nel già drammatico quadro della morte della 53enne, sembra emergere una verità brutale. L’Adnkronos ha raccolto una dichiarazione del dirigente della squadra mobile di Trapani, Fabrizio Mustaro.

Questo, ha dichiarato che gli agenti si sono trovati di fronte “un mosaico di ecchimosi, una visione terribile. La vittima è stata picchiata per almeno tre giorni prima della sua morte senza mai ricevere alcuna assistenza“.
La casa dei coniugi si trovano in campagne, quindi invane sarebbero state le urla e le richieste di aiuto della moglie. Neanche il marito, il cui presunto movente sarebbe la gelosia, avrebbe richiesto assistenza, se non quando era già troppo tardi.

In passato già altre denunce

Come accade troppo tristemente in questi casi, la fonte riporta inoltre che Rosalia Garofalo aveva già sporto altre denunce per percosse.

Due, nello specifico, poi ritirate. Inoltre, si sarebbe rivolta in passato ad una comunità per donne maltrattate.

Un incubo, quello della donna, che il nuovo Codice Rosso approvato nei mesi scorsi cerca di arginare, aumentato la presenza e l’assistenza a donne e vittime di maltrattamenti, stalking e molto altro. A poco è servito in questo caso: la 52enne Rosalia è morta, il marito Vincenzo Frasillo ora è in carcere a Trapani.