Benedetta Parodi

La popolare conduttrice Benedetta Parodi ha deciso di tatuarsi sulla pelle altri simboli che per lei hanno molto significato. È stata lei stessa a condividerne le foto e raccontare cosa si celi dietro quei semplici ma indelebili segni d’inchiostro.

L’ala e i cuori sul braccio di Benedetta

Assieme alla sorella Cristina, Benedetta Parodi è tra i volti più riconosciuti del panorama televisivo italiano. Negli anni, ha contribuito a rimpolpare il filone alimentare con una rubrica di cucina poi divenuta celebre serie di libri. Il nome di Benedetta ormai è direttamente collegato a ricette e cucina fai-da-te, ma dietro alla sua professione c’è anche una moglie, una madre e una figlia che ci tiene a omaggiare e mostrare l’affetto che prova per i suoi cari.


In questo senso, Benedetta ha pubblicato 2 post sul suo profilo instagram: nel primo mostra i suoi nuovi tatuaggi, un’ala sull’avambraccio sinistro e tre cuori sul polso dello stesso braccio. Nell’altro, invece, ne spiega il significato.

View this post on Instagram

Ecco qui.. ♥️

A post shared by Benedetta Parodi (@ziabene) on

Il significato dei tatuaggi

Molte sono state le richieste di spiegazioni, cui Benedetta Parodi ha risposto volentieri pubblicato un altro post, sempre su Instagram. Lo stesso la vede “sotto i ferri” per i tatuaggi e nella didascalia ne spiega il significato.

I cuori rappresentano me Matilde ed Eleonora” ha spiegato la conduttrice, riconducendo così il primo dei nuovi tatuaggi alle due figlie. L’altro, invece, ha un’altra dedica speciale: “L’ala è quella di un’aquila ma anche di un angelo e l’ho fatta in memoria di mio padre” ha spiegato la Parodi. Un tenero omaggio, che affonda le radici in un dolce ricordo. “La nostra favola preferita – racconta Benedetta – aveva come protagonista una grande aquila e la sua piccola“.

Post di Benedetta Parodi
Post di Benedetta Parodi

La decisione di Benedetta di rendere indelebile sul proprio corpo un omaggio alle figlie e al padre testimonia la possibilità del tatuaggio, forma d’arte utilizzata da centinaia e centinaia di anni.

Anche per gesti teneri e dolci come quello di Benedetta.