Cronaca

Drone vola sopra la casa di Luigi Di Maio a Roma: avviate indagini

Il piccolo drone ha volato sopra l'appartamento del Ministro e sono immediatamente partite le indagini: non è ancora chiaro quale fosse lo scopo del "sorvolamento"
Luigi Di Maio

Luigi Di Maio finisce sotto osservazione, suo malgrado e nella preoccupazione di tutti.

Questo, quantomeno, è quello che pare sia accaduto la notte tra il 10 e l’11 febbraio, quando un drone ha viaggiato nel cielo sopra l’appartamento romano del Ministro degli esteri, attivando gli ingranaggi della macchina investigativa.

Cosa ci faceva un piccolo drone nel centro di Roma, nella no-fly zone concernente la casa di Luigi Di Maio? Non si è ancora capito, ma certo non fa dormire sonni tranquilli l’idea che qualcuno voglia potenzialmente spiare un Ministro degli esteri.

Avviate immediate indagini sul caso

In quel momento pare che Di Maio non fosse in casa, ma all’appello era presente invece la sua squadra di sicurezza che ha notato lo strano oggetto volante.

Era notte, dunque è difficile credere che qualche amatore volesse provare un nuovo giocattolo, ma allo stesso tempo non è stato possibile capire di più. Ha scattato delle foto? Ha fatto dei filmati? Impossibile dirlo. Quel che è certo è che, nonostante il ministro per primo abbia cercato di minimizzare, le indagini sono andate avanti e l’allerta è rimasta, soprattutto per l’alone di mistero che la contraddistingue.

Al lavoro sul caso viene chiamato l’Ucigos, ufficio per le operazioni speciali. La casa di Di Maio è stata blindata, e la sicurezza rafforzata mentre il ministro, per quanto sereno sull’accaduto, si tiene informato sugli sviluppi passo dopo passo. Cosa sia accaduto la notte del 10 febbraio rimane comunque un mistero.

Cosa può fare un drone?

Un drone, di fatto, è un veicolo.

in quanto tale, anche se si tratta di un apparecchio non particolarmente professionale, può trasportare una tecnologia anche finissima, che potrebbe essere utilizzata in svariati modi.

Ad esempio Pedro Cabrera, esperto di sicurezza, ha spiegato durante l’ultima conferenza di hacker DefCon come un drone possa arrivare ad hackerare una smart tv, creando quindi un “infiltrato” domestico a tutti gli effetti.

Sono quindi numerose le ipotesi che si possono fare riguardo a quanto accaduto nei pressi di casa Di Maio: tra queste, certo, non si può escludere che qualche turista si sia ingenuamente divertito a filmare il cielo romano, senza badare a dove effettivamente si trovasse.

Potrebbe interessarti