Primo piano di Adriana Volpe e Roberto Parli

Non è bastata la distanza a spegnere l’incendio divampato tra Adriana Volpe e Rita Rusic. Dopo la lite nella casa, le due non hanno avuto modo di chiarire con l’eliminazione a strettissimo giro dell’ex signora Cecchi Gori. Quest’ultima, però, anche fuori dalla casa più spiata d’Italia ha continuato ad alimentare polemiche e acredine con la Volpe. Una battaglia che inizialmente sembrava a senso unico e senza diritto di replica, ma che ora vede scendere in campo anche Roberto Parli, il marito della Volpe.

Le nuove frecciatine di Rita Rusic

Già durante il litigio avvenuto nella casa, il marito di Adriana Volpe si era schierato in difesa della moglie.

Sui social aveva infatti scritto: “Il talento vince sempre! Finale, ‘Champions League Istanbul 2020: Volpe – Rusic 3-0. The game is over!”. Oggi un nuovo intervento, qualche giorno dopo le dichiarazioni della Rusic nel salotto di Barbara d’Urso. A Live, Rita Rusic non ha risparmiato frecciatine alla Volpe che ha definito una donna in un momento lavorativo difficile, che deve scaricare tutti i suoi problemi nella Casa più spiata d’Italia. Questo, a dire della Rusic, giustificherebbe un atteggiamento agguerrito e competitivo.

La difesa del marito di Adriana Volpe

Alle parole di Rita Rusic hanno fatto seguito quelle di Roberto Parli: La signora Rusic ha espresso un pensiero a caldo, non valutando che mia moglie ha sempre lavorato e lo sta facendo tuttora. Banalmente, il rapporto con la Rai si è chiuso solo lo scorso giugno. Adriana è una professionista in gamba e molto stimata” ha dichiarato a Nuovo Tv. E poi ancora “Lei è una donna diretta e ama la chiarezza. Questo porta inevitabilmente a certe dinamiche nelle relazioni.

Comunque, anche se ci sono scontri, vedo che alla fine i concorrenti tendono sempre a superare le incomprensioni”. Parli e la Volpe, ricordiamo, si sono nuovamente ritrovati con una sorpresa nella casa del GF dove il pesantissimo “scherzo” della produzione che prevedeva un finto tradimento da parte di lui.