3 persone in ambulanza

Ci sono aggiornamenti che arrivano direttamente per voce di Angelo Borrelli, capo del Dipartimento della Protezione Civile italiana. L’ultimo bollettino sulla situazione italiana legata ai contagiati e ai morti per Covid-19, Coronavirus, riporta novità: salgono a 11 le vittime in Italia.

11esima vittima a Treviso

AGGIORNAMENTO DELLE 19:25 – A distanza di pochissimi minuti dal bollettino della Protezione Civile giunge notizia da Treviso della morte di una donna di 76 anni, l’11esima vittima da Coronavirus in Italia, che era stata ricoverata in rianimazione a Treviso.

Coronavirus: 322 contagi in Italia

Di questi momenti le novità che filtrano dalla conferenza stampa della Protezione Civile tenutasi alle 18 in termini di Coronavirus.

Di queste ore la notizia di 3 nuovi decessi dovuti a Coronavirus- che riguarderebbero 3 ultraottantenni – che vanno dunque a sommarsi ai precedenti 7. Dunque 10 le vittime al momento in Italia per Covid-19. Aumenta di pari passo anche il numero delle persone contagiate dal virus: dall’ultimo aggiornamento che riportava la presenza di 283 persone contagiate si è arrivati in questi momenti ad un totale di 322 casi in Italia.

Per quando riguarda un’abbozzata “mappa” del contagio è stato confermata la presenza di un caso in Liguria, il primo rilevato al momento, e si tratterebbe di una donna di 70 anni. Due i casi in Toscana e uno a Palermo. Un dato che trova spazio in quanto lontano dalla “zona rossa”, ovvero i 2 focolai – Lodi e Padova – che toccano circa 10 comuni.

Dimessa donna positiva a Coronavirus ricoverata a Padova

Ci sono però notizie che non riguardano solamente le vittime e i contagi. Come pubblicato sul sito della Regione Veneto infatti, arriva dall’Azienda Ospedaliera di Padova conferma delle dimissioni di una delle donne contagiate da Covid-19.

L’Azienda Ospedaliera di Padova ha provveduto alla prima dimissione protetta di una paziente, ricoverata dopo che è stata riscontrata positiva al Coronavirus – si apprende dal comunicato stampa – La signora è stata accolta dalla struttura sanitaria il 23 febbraio con link epidemiologico ‘contatto presso locale pubblico – Comune di Vò“. La donna aveva sviluppato un’infezione asintomatica e verosimilmente pregressa da Sars-CoV-2.