Coronavirus,

A poco più di 12 ore dalle urgenti, nuove misure in merito all’emergenza Coronavirus comunicate ieri sera da Giuseppe Conte, sui social sta prendendo sempre più piede il “movimento” del #iorestoacasa. A promuoverlo, non solo moltissimi vip e personaggi dello spettacolo ma anche numerosi celebri poli culturali italiani, attualmente chiusi al pubblico proprio a causa del Covid-19.

Arte e spettacolo: tutti uniti in nome del #iorestoacasa

Sono giorni difficili per l’Italia e per gli italiani. Giorni in cui le autorità politiche e sanitarie stanno chiedendo uno sforzo in più ai cittadini, stanno facendo appello al senso civico e alla responsabilità di ognuno affinché il contagio del Covid-19 possa essere arginato presto.

A sostenere l’impegno collettivo, si sono fatti sentire tantissimi nomi di spicco, uomini e donne dello spettacolo che, attraverso i social, stanno contribuendo a diffondere solidarietà e a trasmettere il più possibile il messaggio del #iorestoacasa. È importante, infatti, ora come ora, evitare la socialità non necessaria per evitare il dilagare del contagio e il peggioramento delle condizioni degli ospedali.

Tra i primi a parlare ai suoi followers è stato lo showman Fiorello che sottolinea e racconta, con la sua solita ironia, la riscoperta della bellezza dello stare a casa con i propri cari.

Visualizza questo post su Instagram

#coronavirus #iorestoacasa

Un post condiviso da Rosario Fiorello (@rosario_fiorello) in data:

Ma non solo, a ruota, anche Jovanotti (che “minaccia” ironicamente l’uscita di un nuovo disco di solo ud, strumento musicale mediorientale, a cui il cantante si sta dedicando in questo momento di inattività forzata a casa), Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, Ligabue. E questi sono solo alcuni degli illustri nomi che si sono esposti a sostegno della decisione e delle precauzioni promosse dal Governo.

Visualizza questo post su Instagram

#iorestoacasa

Un post condiviso da lorenzojova (@lorenzojova) in data:

Musei e poli culturali chiusi per una buona causa

Uniti in questo momento di difficoltà, anche tutti i centri culturali e artistici che sono stati temporaneamente chiusi.

Tra loro i musei reali di Torino, il museo Egizio, Pompei, il Colosseo, gli Uffizi, la cui pagina Twitter ha deciso di pubblicare immagini di quadri e opere artistiche affinché la bellezza dell’arte continui ad arrivare nelle case di tutta Italia.

Solidali con il Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo, anche la Galleria dell’Accademia di Firenze, Palazzo Reale di Napoli, Palazzo Barberini, la Galleria nazionale d’arte moderna e Contemporanea di Roma, il museo archeologico di Cagliari, il parco archeologico dei campi Flegrei, Capodimonte, il Museo Omero di Ancona, la Galleria Nazionale dell’Umbria, il Museo di San Martino, le Gallerie dell’Accademia di Venezia, il museo d’arte orientale di Venezia.