coronavirus

Mentre il mondo fa i conti con la pandemia scatenata dal Coronavirus, la medicina cerca di stare al passo in un momento delicatissimo. E così arriva oggi la notizia che negli Stati Uniti c’è stato il primo test di un vaccino contro il coronavirus. Anche l’Europa intanto ha annunciato che la sperimentazione del suo vaccino potrà partire a giugno. Sviluppare un vaccino sarà determinante, resta però da sottolineare che i tempi non saranno brevi: potremmo dover attendere un anno e più per poterne beneficiare.

Il test negli USA

Nemmeno un mese fa il direttore dell’istituto statunitense per lo studio delle malattie infettive Niaid aveva predetto che entro due o tre mesi sarebbe iniziato il test del vaccino e proprio oggi arriva la notizia che per la prima volta è stato iniettato il vaccino al primo dei 45 volontari sani a Seattle.

Resta da sottolineare che questo è solo il primo passo: ci vorranno altre fasi di test sull’uomo per essere certi della sua sicurezza e della sua efficacia. A quel punto poi il vaccino dovrà essere prodotto, sottolinea Ansa.

Il caso europeo

L’azienda biofarmaceutica CureVac, che lavora fra Germania e Stati Uniti, si prepara invece a dare il via alla sua sperimentazione che dovrebbe partire il prossimo giugno.

A dirlo è stata la Commissione Europea che ha annunciato che la CureVac “ha già avviato il suo programma di sviluppo di un vaccino anti Covid-19 e si prevede l’avvio di test clinici a partire da giugno 2020“. 

Approfondisci

Tutto sul Coronavirus

Coronavirus, un comune lancia l’allarme: “Crescita anomala di casi

Coronavirus, Conte: “Sono le settimane più rischiose, stiamo uniti