Emanuele Filiberto seduto di fronte a Maurizio Costanzo

Maurizio Costanzo torna in onda in seconda serata con le sue interviste. Durante la prima puntata andata in onda il 12 marzo, Emanuele Filiberto si racconta: dai suoi tradimenti a quando è venuto a conoscenza di essere un Savoia.

Emanuele Filiberto di Savoia si confessa

Ospite a L’intervista, programma di Maurizio Costanzo, il principe Emanuele Filiberto di Savoia confessa i suoi tradimenti. 

Emanuele Filiberto di Savoia è sposato da 17 anni con l’attrice francese Clotilde Courau e insieme hanno avuto due bambine, la prima, Vittoria Cristina, nata nel 2003 e la seconda, Luisa Giovanna, nel 2006.

Durante il corso dell’intervista il principe di Casa Savoia ammette i suoi errori e rivela di essere stato sempre onesto nei confronti di sua moglie. Alle domande di Maurizio Costanzo risponde: “Se ho tradito… è possibile che abbia tradito, chi non lo ha fatto? Ma ho un grande rispetto per lei, è una grande donna e una grande mamma”. Emanuele Filiberto non nasconde i suoi errori: “Io non dico le bugie, ho sempre detto la verità”; e allo stesso tempo racconta il suo grande amore verso la madre delle sue figlie.

La scoperta del sangue blu

Le confessioni del principe non si limitano ai suoi errori e disavventure della sua vita di coppia. Il principe coglie la palla al balzo e racconta a Maurizio Costanzo l’esatto momento in cui è venuto a conoscenza di non essere una persona come tutte le altre. Non tutti possono dire di far parte della famiglia reale che ha dato i natali a figure come Umberto II, l’ultimo re d’Italia. E non tutti, quindi, si sono trovati nelle circostanze di comprendere che cosa tutto ciò volesse dire.

Emanuele racconta: “Ricordo molto bene quel momento, avevo circa 5 anni. Un giorno salgo sul pullman e dico ‘Torniamo tutti in Italia’. E lì mi hanno detto che non potevo tornarci, così mi hanno spiegato cosa significasse essere un Savoia”.

Approfondisci

Emanuele Filiberto, il post sui social: “Annuncio il ritorno della famiglia reale”

Emanuele Filiberto e Clotilde Courau derubati in casa per mezzo milione di euro