Morto il paziente 1 del Comune di Fondi, focolaio laziale del Coronavirus. L’80enne aveva partecipato ad una festa di Carnevale per anziani il 25 febbraio (Immagine di repertorio)

La situazione resta allarmante nel Lazio. Dopo l’isolamento di due istituti religiosi, con il contagio di 59 suore, arriva un’altra triste notizia. Non ce l’ha fatta l’80enne di Fondi, in provincia di Latina, a sconfiggere il Coronavirus. L’anziano era il paziente 1 del Comune laziale, divenuto presto un focolaio. Aveva partecipato alla festa di Carnevale organizzata da un centro per anziani il 25 febbraio scorso, Martedì Grasso, presso un ristorante sul litorale. Da lì il virus si era propagato nella cittadina laziale. Lo ha confermato anche il sindaco facente funzione Beniamino Maschietto, che ha specificato che l’uomo ha esalato l’ultimo respiro allo Spallanzani di Roma.

Fondi focolaio laziale

Secondo quanto riporta la testata locale TempoReale, l’anziano è morto all’ospedale Spallanzani di Roma dopo un peggioramento del suo quadro clinico, non solo per il Coronavirus ma anche per altre patologie dalle quali era affetto. Con la sua morte, i decessi in provincia di Latina causati dal Coronavirus sono 8. Fondi resta il Comune con il più alto numero di contagiati nella provincia, 53 persone risultate positive ai test. In tutta la provincia i nuovi casi son stati 13, portando così a un totale di 163 positivi, di cui 72 ricoverati.

Vista la situazione in costante peggioramento, è probabile che presto diventi zona rossa tutta la provincia di Latina. La Regione Lazio intanto aveva già dichiarato, con un’ordinanza straordinaria, il Comune di Fondi come zona rossa.

Tasso di contagio più alto di Codogno

La direzione regionale salute ha deciso di blindare Fondi quando da uno studio epidemiologico di urgenza, è risultato che circa l’1% degli abitanti della cittadina sarebbe positivo al Covid-19. In numeri, 400 persone sono potenzialmente contagiate su meno di 40mila abitanti totali.

Una percentuale anche più alta di quella di Codogno (0,9%). Al momento, è vietato entrare o uscire da Fondi, le attività commerciali e amministrative son state ridotte allo stretto indispensabile e il Mercato Ortofrutticolo, uno dei più grandi d’Europa, ha subito una rimodulazione, ma non ancora una chiusura.