Enrique Iglesias insieme al suo cane

L’emergenza Coronavirus ha invaso ormai l’Europa intera e la Spagna, dopo l’Italia, è lo Stato che più ne sta pagando le conseguenze. Tante le vittime, tra le quali si contano anche nomi importanti del mondo dello spettacolo come Lucia Bosé.

Ad essere colpita in modo luttuoso dal virus è stata anche la famiglia Iglesias, l’annuncio è arrivato per voce dello stesso Enrique che ha reso omaggio al patrigno recentemente scomparso a causa del virus.

Lutto per Enrique Iglesias

Il cantante ha annunciato ai fan che la sua famiglia è stata colpita da un gravissimo lutto, la scomparsa del patrigno Carlos Falcò, marito della madre negli anni della sua infanzia.

L’uomo aveva 83 anni e gli era da poco stata diagnosticata un’infezione da Coronavirus.

Il cantante ha condiviso la notizia con i fan, postando una tenera foto che lo ritrae di spalle proprio tra la mamma e il patrigno quando lui era un bambino. Uno scatto tenero, accompagnato da poche righe d’incoraggiamento e d’amore per tutti coloro che avrebbero letto il post.

Il post di Enrique Iglesias

Stiamo affrontando tempi difficili”, scrive il cantante, “Quest’emergenza ha toccato molte persone, compresa la mia famiglia.

State a casa e prendetevi cura di tutti coloro che amate. Mandandovi tutto l’amore e la forza che ho”.

Il post di Enrique Iglesias su Instagram

Compagno della madre

Carlos Falcò y Fernàndez de Còrdoba, marchese di Grinon, è stato il primo compagno della madre del cantante, Isabel Preysler, dopo l’annullamento del matrimonio con Julio Iglesias.

I due si sono sposati nel 1980, dal matrimonio, un anno dopo, è nata una figlia, Tamara Isabel Falcò. La coppia ha poi divorziato e nel 1988 la madre di Enrique Iglesias ha sposato l’ex ministro delle finanze spagnolo, Miguel Boyer e, dopo la morte di quest’ultimo, nel 2015 si è legata allo scrittore Mario Vargas Liosa.

Approfondisci:

TUTTO SUL CORONAVIRUS

Morte di Lucia Bosè, Bianca Guaccero: “È stata una madre per me”

Cristiano Malgioglio, il dolore per la morte di Lucia Bosé: “Non posso crederci”