sergio mattarella in primo piano

Di questi momenti il discorso del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Un intervento che arriva in questo difficile momento per la nazione, imperversata dall’epidemia da Coronavirus.

Sergio Mattarella: il discorso alla nazione

Di questi momenti il collegamento di Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica, che ha voluto parlare alla nazione rivolgendosi direttamente ai cittadini. Parole impregnate di riconoscenza verso tutti i sacrifici dell’Italia, unita nella lotta al Coronavirus. “Stiamo vivendo una pagina triste della nostra storia. Mi permetto nuovamente di rivolgermi a voi, nel corso di questa difficile emergenza, ne avverto il dovere”.

Mattarella: “Un pensiero alle persone che hanno perso la vita

Le prime parole del Presidente della Repubblica sono rivolte a tutte le persone che in questo difficile momento hanno perso i propri cari a causa del Coronavirus e a chi, invece, si trova a fare i conti con una situazione precaria e instabile: “Mi permetto nuovamente, care concittadine e cari concittadini, di rivolgermi a voi, nel corso di questa difficile emergenza, per condividere alcune riflessioni. Ne avverto il dovere. La prima si traduce in un pensiero rivolto alle persone che hanno perso la vita a causa di questa epidemia; e ai loro familiari – chiosa Mattarella – Il dolore del distacco è stato ingigantito dalla sofferenza di non poter essere loro vicini e dalla tristezza dell’impossibilità di celebrare, come dovuto, il commiato dalle comunità di cui erano parte.

Comunità che sono duramente impoverite dalla loro scomparsa“.

Riconoscenza nei confronti di chi per tutti noi sta fronteggiando la malattia

Parole che arrivano a margine di una giornata che evidenzia la gravità dell’emergenza, con 969 morti registrati nella sola giornata odierna, come diffuso dalla Protezione Civile.

Da alcuni giorni – continua Mattarella – vi sono segnali di un rallentamento della crescita di nuovi contagi rispetto alle settimane precedenti, non è un dato che possa rallegrarci perché si tratta pur sempre di tanti nuovi malati, soprattutto perché accompagnato da tanti nuovi morti. Anche oggi vi è un numero dolorosamente alto, ma quel fenomeno fa pensare che le misure di comportamento adottate stanno producendo effetti positivi“.

E non sono mancati i ringraziamenti ai cittadini, rispettosi delle regole di comportamento e in prima linea in nome e sacrificio della collettività, ai medici, a chiunque in questo momento si stia prodigando per la nazione: “Desidero esprimere Desidero esprimere rinnovata riconoscenza nei confronti di chi per tutti noi sta fronteggiando la malattia con instancabile abnegazione.

I medici, gli infermieri, l’intero personale sanitario cui occorre in ogni modo assicurare tutto il materiale necessario. I medici, gli infermieri, l’intero personale sanitario cui occorre in ogni modo assicurare tutto il materiale necessario“.

Approfondisci

TUTTO SUL CORONAVIRUS

Perché il Coronavirus colpisce più gli uomini: dalla genetica alle cattive abitudini

Coronavirus in Italia: i dati su contagi, guariti e decessi del 27 marzo