medici in ospedale

Arriva da Parma una buona notizia sulla battaglia contro il coronavirus. Sergio Venturi, commissario regionale dell’Emilia Romagna all’emergenza sanitaria, ha dichiarato che il pronto soccorso adibito a Covid-19 dell’ospedale Maggior dei Parma sarebbe attualmente quasi vuoto rispetto al pienone di accessi per via dei contagi avvenuto nei giorni scorsi.

Si tratta di un segnale davvero positivo per la comunità, anche se le autorità già invitano a non prendere il dato alla leggera ed a non farsi trascinare dall’entusiasmo.

Il picco toccato il 16 marzo

A Parma, il picco di ambulanze si era toccato il 16 marzo, con 157 servizi in un giorno.

Domenica, gli accessi sono stati molto meno, come riporta Venturi a Repubblica: “A Piacenza domenica ci sono stati 57 servizi in ambulanza, per trovare un dato così basso bisogna tornare al 4 marzo. Il picco era stato il 16 marzo, con 157 servizi in ambulanza. Significa che siamo a un terzo rispetto a due settimane fa. È un dato davvero positivo, dopo tanti lutti e sacrifici a Piacenza”.

Situazione in miglioramento

Anche dalle altre province arrivano dati cautamente ottimisti: Sono circa 40 gli accessi di ambulanze registrati a Forlì, solo 16 a Ferrara, 34 a Ravenna e 36 a Modena.

La città con più accessi risulta Bologna (82 in un giorno).

Avere dei pronto soccorso dedicati esclusivamente ai casi Covid-19 ha aiutato sicuramente la lotta al coronavirus: molte strutture private, soprattutto in zona Parma, si sono trasformate in zone di cura Covid-19.

Approfondisci:

Coronavirus: requisiti e procedure per richiedere il bonus INPS da 600 euro

Coronavirus, in Lombardia un paese senza contagi: si studia il sangue degli abitanti

Coronavirus, l’ospedale in Fiera a Milano è pronto: realizzato in 10 giorni