prodotti sequestrati dalla Guardia di Finanza

Oltre 170mila prodotti parafarmaceutici e integratori sequestrati dalla Guardia di Finanza di Torino: è il bilancio dell’operazione che ha condotto alla denuncia di due coniugi che proponevano una “ricetta” per guarire dal Covid-19.

Proponevano “ricetta” per guarire dal Covid-19

Una “ricetta” per guarire dal Covid-19, la malattia infettiva causata dal Coronavirus: è questo quanto proposto sul web da una coppia, marito e moglie, denunciati dalla Guardia di Finanza di Torino.

Non c’è alcuna cura e alcun vaccino, attualmente, per contrastare il virus, ma c’è chi continua a proporre soluzioni “miracolose” e prive di validità scientifica, ingannando ignari utenti e rischiando di esporli a grandi rischi.

Il caso in questione riguarda due coniugi 70enni, amministratori di una società di Peschiera Borromeo (Milano) attiva da anni nel campo dei prodotti farmaceutici e degli integratori, denunciati dalle Fiamme Gialle del capoluogo piemontese nell’ambito di una vasta operazione che ha portato al sequestro di oltre 170mila prodotti.

Le indagini dei militari – coordinati dalla Procura di Milano, pm Tiziana Siciliano, coordinatrice del VI Dipartimento “Tutela della salute, dell’ambiente e del lavoro”, e Mauro Clerici – hanno smascherato anche un tessuto di contatti commerciali all’estero.

Parte della merce sequestrata, comunicano i finanzieri, era destinata al mercato europeo (a clienti tra Francia, Germania, Austria e Svizzera).

Un “protocollo medico” inventato e pubblicizzato sul sito

Dall’attività investigativa della GdF è emerso che la coppia pubblicizzava sul sito della società un “protocollo medico” inventato che prevedeva la somministrazione di integratori e altre terapie non meglio precisate contro il Coronavirus.

Nessuna fondatezza – precisano gli inquirenti – ma solo una vera e propria frode in commercio, resa ancor più riprovevole visto il momento storico che il Paese sta attraversando“.

I coniugi sarebbero già noti alle cronache – si legge nel comunicato del Comando provinciale di Torino – per una vicenda del passato che li avrebbe visti finire in manette con l’accusa di esercizio abusivo della professione medica e somministrazione di farmaci guasti o imperfetti.

Non solo Coronavirus: promesse “cure” contro altre patologie

Secondo quanto emerso dalle indagini, la coppia avrebbe ideato un “ricettario medico che di medico e curativo aveva ben poco“. I siti web riconducibili alla società sono stati oscurati e sottoposti a sequestro preventivo, così come alcune pagine social in cui si esortavano gli utenti alla massima condivisione dei protocolli ideati dalla coppia.

Nell’ambito dell’operazione, i finanzieri hanno inoltre scoperto che marito e moglie avrebbero anche pubblicizzato “protocolli medici da seguire per contrastare anche forme gravi di patologie” senza alcun titolo per l’esercizio della professione medica.

Approfondisci

Tutto sul Coronavirus

Coronavirus, truffa delle mascherine: vendute e mai consegnate

Coronavirus, volantini-truffa: “Lasciate le vostre case”