Il cinema dice addio all’attrice Shirley Douglas, 86 anni, ex moglie di Donald Sutherland e madre dell’attore Kiefer Sutherland.

A quanto pare Douglas si sarebbe ammalata di polmonite ma non si sarebbe trattato di un caso di Covid-19.

L’annuncio del figlio Kiefer

A dare l’annuncio è stato proprio il figlio, Kiefer Sutherland, che su Twitter ha scritto che sua madre sarebbe deceduta nella mattina di lunedì per complicanze legate a una polmonite. In un sentito post, scrive: Mia madre era una donna straordinaria che ha vissuto una vita straordinaria. Purtroppo combatteva da un po’ di tempo contro problemi di salute e noi, come famiglia, sapevamo che questo giorno sarebbe arrivato”.

Solidarietà per il Coronavirus

Benché Sutherland stesso abbia dichiarato che la morte della madre non è legata al Coronavirus, ha voluto comunque esprimere la sua vicinanza alle famiglie colpite dall’epidemia: “A tutte le famiglie che hanno perso i loro cari inaspettatamente per il Coronavirus, il mio cuore soffre per voi. Per fare, abbiate cura di voi”.

Impossibile dimenticarsi dell’attrice, nota a tutti nel mondo del cinema per essere stata la “Lolita” di Kubrick.

La sua scomparsa odierna segna inevitabilmente una giornata nera per il cinema mondiale, in lutto. Era il 1962 quando l’attrice recitò proprio in Lolita di Kubrick e il 1988 quando si trovò sul set di Inseparabili. Ricordare la Douglas solo come attrice sarebbero però riduttivo: oltre ad essere stata attrice, la Douglas è stata infatti anche una delle voci che più si sono battute per i diritti civili, impegnata nel gruppo Friends of the Black Panthers.