corridoio ospedaliero

È diventato virale il video di una giovane infermiera statunitense, che racconta tra le lacrime le precarie condizioni in cui sono costretti a lavorare gli operatori sanitari, senza mascherine o sistemi di protezione adeguati contro il coronavirus. Negli Stati Uniti la vicenda ha creato non poche polemiche fra chi ritiene molto rilevante l’atto di accusa contenuto nel video e chi, al contrario, pensa che la ragazza abbia esagerato nel dipingere la situazione, con lo scopo di ottenere visibilità sul piano personale.

Tutte le infermiere senza mascherina

Sono andata al lavoro e mi hanno assegnata ad un paziente Covid-19 – afferma l’infermiera nel video – La mia unità è stata convertita al trattamento di questi pazienti, nessuna delle infermiere indossa le mascherine, nemmeno quelle chirurgiche, nei reparti o quando siamo in riunione”.

Imaris Vera, questo il nome della donna, ha 30 anni e ha esercitato la professione nell’ospedale di Winfield, in Illinois.

Qualche giorno fa, prima che il video scatenasse ulteriori polemiche, aveva rilasciato un’intervista al Daily Mail, in cui spiegava nel dettaglio di essersi portata da casa la propria mascherina, ma di non averla comunque potuta indossare sul lavoro.

Il superiore, infatti, le avrebbe vietato di farlo, citando le ferree norme del CDC (Centers for Disease Control and Prevention), che impedirebbero l’utilizzo di mascherine introdotte nell’ospedale dall’esterno.

Guarda il video

Ho parlato col mio superiore – ha ricordato nel video – gli ho detto che capisco il fatto che abbiamo poca attrezzatura, ma lasciatemi almeno proteggere me stessa, fatemi sentire al sicuro, ho una famiglia dalla quale devo ritornare”. La situazione sarebbe stata tanto difficile da spingere l’infermiera a rinunciare al suo lavoro: “Se non posso tenere la mascherina, non credo di poter andare avanti – ha detto al Daily MailTi sembra di voltare le spalle ai malati, ma se non dici niente, se non ti fai avanti, chi lo farà?

”.

La polemica politica

Negli Stati Uniti il video ha avuto grande risonanza: è stato ripreso in un tweet da parte dell’emittente televisiva CBS, totalizzando milioni di visualizzazioni, prima di essere citato anche da Bernie Sanders: “È una follia che le nostre infermiere siano costrette a curare i malati senza mascherine e respiratori”, ha twittato il senatore democratico.

Come riporta Fox News, sono piovute critiche feroci da vari personaggi appartenenti al mondo della televisione e della politica, come l’esponente del partito repubblicano Dan Crenshaw, i quali hanno insinuato che l’infermiera avesse sostanzialmente gonfiato la storia, ingigantendo i problemi per ottenere un tornaconto personale. La vicenda ha così finito per diventare terreno di uno scontro, tutto politico, sulla sanità americana e sulla sua reale capacità di reagire in maniera adeguata all’emergenza.

Approfondisci

Tutto sul Coronavirus

Coronavirus: negli Usa oltre 300mila casi, la Spagna supera l’Italia

Bernie Sanders si ritira dalla corsa alla presidenza: ora è ufficiale lo sfidante di Trump