Matteo Salvini e Giorgia Meloni

Momenti molto convulsi per la situazione politica italiana. Dopo le parole di Giuseppe Conte sulle presunte menzogne di Matteo Salvini e Giorgia Meloni riguardo al Mes, non ha ovviamente tardato ad arrivare una replica da parte dei diretti interessati. Conte, nella sua conferenza, li ha accusati direttamente di aver “agito nelle tenebre e mentito sul Mes, dichiarando che sarebbe stato attivato ieri sera, quando in realtà esiste dal 2012.

La replica di Salvini a Conte

A stretto giro sono arrivate immediatamente le repliche di Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Il primo ha condiviso un post sui social in cui spara a zero e su molti argomenti, ma il bersaglio è chiaro: “Usare la tv di Stato per dire falsità e fare un comizio contro Salvini e contro le opposizioni è roba da regime, da Unione Sovietica” ha scritto.

Per la verità, Conte aveva lanciato un plauso al modo in cui si era dibattuto politicamente del Mes nel giorni scorsi, ma non su determinati fatti rilanciati dal Leader della Lega. Che tuona: “Perché non hanno bloccato il Mes? Perchè il PD vuole la tassa patrimoniale?

Perché i 5Stelle vogliono ancora bloccare la Tav?“. Tanti argomenti che non sembrano entrare nel merito diretto delle accuse di Conte, ma che rendono chiara la delusione dell’ex Ministro.

Post di Matteo Salvini su Facebook
Post di Matteo Salvini su Facebook

Giorgia Meloni chiede il diritto di replica

Sullo stesso tono anche il post di Giorgia Meloni, che lo accusa di aver indetto una conferenza a stretto giro dai telegiornali serali, “senza possibilità di replica e senza contraddittorio“. Anche per la leader di Fratelli d’Italia quello di Conte sarebbe una dichiarazione mai vista “nella storia della democrazia, la dice lunga sulla tracotanza di questo governo“.

L’appello finale della Meloni è per Mattarella: “Non ha nulla da dire su questi metodi degni di un regime totalitario?“.

Post di Giorgia Meloni su Facebook
Post di Giorgia Meloni su Facebook

Approfondisci

TUTTO sul Coronavirus

Giuseppe Conte alza la voce: l’attacco a Matteo Salvini e Giorgia Meloni