sede della protezione civile

Come ogni giorno, anche oggi 26 aprile la Protezione Civile dirama il suo bollettino con l’aggiornamento dei dati sul coronavirus in Italia. La giornata è stata segnata dai piani per organizzare la fase 2, con l’allentamento delle misure di lockdown. La Protezione Civile informa che anche oggi i ricoverati in Terapia Intensiva e con sintomi per il coronavirus sono in calo, così come i decessi.

I dati del bollettino della Protezione Civile

Nel bollettino della Protezione Civile di oggi riscontriamo un numero totale di casi di positivi al coronavirus pari a 106.103, 256 assistiti in più rispetto a ieri.

Questo dato rompe con la tendenza in negativo degli ultimi giorni, ma secondo gli esperti non dovrebbe preoccupare, rientrando in un quadro di maggiori capacità di ricoveri da parte degli ospedali essendosi allentata la pressione sulle strutture.

I numeri del coronavirus in Italia il 26 aprile

Oggi abbiamo 1.808 guariti e dimessi in più, per un totale di 64.928. Si sono registrati 260 decessi, che fa salire a 26.644 il numero delle vittime di coronavirus. Il numero dei decessi di oggi è il più basso dal 15 marzo.

Il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 197.675, aumentati rispetto a ieri di 2.324 casi.

I ricoverati in Terapia Intensiva sono 2.009, ben 93 in meno rispetto a ieri, mentre le persone in isolamento con sintomi lievi o senza sintomi sono 82.722 (il 78%). I ricoverati con sintomi sono 21.372, con una riduzione di 161 pazienti rispetto a ieri.

La situazione coronavirus nelle Regioni

Nel bollettino della Protezione Civile di oggi si registrano anche i casi nelle Regioni. La Lombardia torna a vedere un aumento dei contagi, con 35.166 persone attualmente positive.

Le altre Regioni più colpite sono il Piemonte, 15.519 positivi, e l’Emilia Romagna, 12.341 positivi.

Seguono il Veneto (9.138), la Toscana (6.069), la Liguria (3.480) e il Lazio (4.573). Diminuiscono i casi positivi man mano che si scende con le Marche che registrano 3.308 positivi, la Campania (2.924), la Puglia (2.937). In fondo alla classifica ci sono poi la provincia di Treno (1.682), la Sicilia (2.107), Friuli Venezia Giulia (1.248), Abruzzo (2.068), provincia di Bolzano (994), Umbria (296), Sardegna (783), Valle d’Aosta (254), Calabria (797), Basilicata (219), Molise (200).

Approfondisci:

Tutto sul coronavirus

Coronavirus, Piemonte 2° regione più colpita. Bonaccini: “Bisogna ripartire”