Federica Sciarelli, conduttrice di Chi l'ha visto?

Alla Lega non sono piaciute alcune dichiarazioni e un certo modo di condurre di Federica Sciarelli, volto della trasmissione Chi l’ha visto?. L’offesa per il Carroccio sarebbe duplice: da un lato riguarderebbe un attacco alla Regione Lombardia, dall’altro incrocia il caso di Silvia Romano.

La Lega vuole querelare la Sciarelli

A riferire la notizia sono numerose fonti, che riportano quanto accaduto nella commissione di Vigilanza Rai durante l’audizione di Angelo Cardani presidente dell’Agcom (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni). Durante questo incontro, avrebbe preso la parola il deputato Massimiliano Capitanio, membro della Lega.

Capitanio avrebbe richiesto “un’intervento urgente e perentorio” per un gravissimo fatto “che si è verificato ieri sera durante la trasmissione ‘Chi l’ha visto?“, riferisce Adnkronos. La stessa fonte riferisce che il partito di Matteo Salvini potrebbe procedere con “un’interrogazione, un esposto ad Agcom e una querela nei confronti di Federica Sciarelli.

La mail contro la Regione Lombardia

Sono due i motivi che hanno scatenato l’ira del segretario della bicamerale Capitanio. Il primo riguarda una mail letta in puntata da Federica Sciarelli: nella stessa, veniva portato avanti un deciso attacco alla Regione Lombardia.

La denuncia riguarda il fatto che “soltanto pochi privilegiati hanno diritto ai tamponi” per l’emergenza Coronavirus. In calce alla mail, viene detto: “Questo è genocidio sanitario, funesto primato di una Regione che si chiama Lombardia“.

La Lombardia è governata dalla Lega, per questo Capitanio si è scagliato contro la Sciarelli e la sua scelta di leggere proprio quella. “Alludere al ‘genocidio sanitario’ perpetrato dalla Regione Lombardia – dice Capitanio stando a quanto riportato dalle fonti – in base a una mail diffamatoria e oggettivamente piena di falsità è indegno della tv di Stato e della professione giornalistica“.

La Sciarelli contestata anche per la questione Silvia Romano

Non solo diffamazione alla Regione Lombardia. Stando a quanto riferito da Capitanio al presidente Agcom, le ragioni dietro l’esposto contro Federica Sciarelli riguarderebbero anche un’altra questione. Nello specifico, la conduttrice ha detto che Nico Basso, il consigliere comunale che ha scritto “impiccatela” parlando di Silvia Romano, farebbe parte della Lega.

Basso, tuttavia, ora sarebbe in una lista civica, non più del Carroccio come in passato. “Ha diffamato il partito della Lega attribuendo un reato gravissimo” dice Capitanio.

Lo stesso, ha usato parole durissime per definire l’accaduto: “una delle pagine più buie, vergognose e deontologicamente scorrette nella storia del giornalismo

Se redazione e conduttrice – viene riferito da un altro passaggio del suo intervento – hanno deciso di diffamare e attaccare la Lombardia e Lega nel tentativo di farci sparire, sappiano che non tollereremo questo squadrismo mediatico“.

Approfondisci

Chi è Federica Sciarelli: l’inizio della carriera con una borsa di studio