infermiera coronavirus

Arrivano in questi momenti gli ultimi aggiornamenti che filtrano quotidianamente dalla Protezione Civile che da mesi ormai si occupa di monitorare l’andamento dell’epidemia di Coronavirus in Italia. Si avvicina sempre più la data del 3 giugno intanto, giorno dal quale ci sarà il via libera per gli spostamenti tra regioni, bloccati dal 9 marzo scorso. Un “via libera” in attesa tuttavia di ulteriori delineamenti in merito di fronte alla reticenza da parte di numerose regioni protese ad attendere ancora qualche settimana.

Coronavirus: il bollettino del primo giugno

Sono tanti i governatori di Regione che di fronte al “via libera” agli spostamenti tra regioni dal venturo 3 giugno preferirebbero giocare ancora la carta della prudenza, chiedendo di attendere ancora qualche settimana prima di aprire i “confini”.

Si tratta di regioni come la Toscana, la Campania che preferirebbero vedere l’ok slittare ancora di una/due settimane. Lo stesso ministro Speranza non ha negato il rischio reale ma secondo cui l’Italia sarebbe pronta a far fronte dopo aver dato dimostrazione di saper rispettare le misure restrittive adottando tutti i comportamenti nell’interesse della salute del Paese.

33.475 vittime di Covid-19 in Italia

Arrivano intanto come di consueto tutti gli aggiornamenti sul numero del contagio dell’epidemia che da febbraio ha immobilizzato l’Italia. Dallo scoppio dell’epidemia in Italia sono 233.197 le persone che in Italia hanno contratto il Covid-19. Rispetto alla giornata di ieri sono 178 i nuovi casi di contagio registrati per un totale di 41.367 persone attualmente positive. 60 i deceduti registrati nelle ultime 24 ore per un totale di 33.475 vittime. 158.355 i guariti in Italia cui 848 registrati nella sola giornata di oggi.

Sempre dal bollettino si apprende come, delle persone che risultano attualmente positive, 34.844 si trovino in isolamento domiciliare; 424 in terapia intensiva e 6.099 ricoverati in ospedale con sintomi.

Approfondisci

TUTTO SUL CORONAVIRUS

Avellino, movida selvaggia: in piazza anche il sindaco tra cori e assembramenti

Dal 3 giugno via libera per gli spostamenti: cosa si potrà fare e cosa no