gina lollobrigida sul red carpet

Gina Lollobrigida torna a parlare dei rapporti tesi con il figlio Milko e il nipote Dimitri, in occasione della nascita della piccola Gina Junior, figlia del suo segretario Andrea Piazzolla e della compagna dell’uomo. La diva dichiara di voler riallacciare i rapporti con la famiglia, dopo la decisione del giudice di spogliarla di tutti i suoi beni per la contesa giudiziaria nei confronti di Piazzolla, rinviato a giudizio per circonvenzione di incapace.

Le parole di Gina dopo la nascita di Gina Junior

In un’intervista a Chi, l’attrice esprime tutta la sua gioia per la nascita della piccola, a cui i genitori hanno dato il nome della diva: “Gina Junior rappresenta il futuro.

È stata una bella sorpresa, che mi ha riempito di gioia”, confessa la Lollobrigida. “Arriva dopo tanti colpi duri che ho ricevuto, per fortuna ci sono ancora cose belle che mi riserva la vita. La stessa vita che da una parte ti leva, ma dall’altra ti dà. Ed è arrivata proprio poco prima del mio compleanno”.

Gina torna ovviamente a parlare del fatto che l’ha riportata la centro del gossip di recente: la contesa giudiziaria con figlio e nipote.

La mia famiglia sono Milko e Dimitri, Andrea (il segretario ndr.) è come uno di famiglia”, racconta l’attric.e “In sostanza voglio bene a tutti, ma certo è che se mio figlio e mio nipote invece di lasciarsi imbambolare da certa gente si fossero concentrati di più su di me non mi sarebbe dispiaciuto”.

La guerra tra la famiglia e il segretario Piazzolla

Secondo il figlio Milko e il nipote Dimitri, infatti, Piazzolla avrebbe sfruttato il rapporto con la Lollobrigida per assicurarsi parte del suo patrimonio e lo hanno accusato di circonvenzione di incapace.

Il giudice ha dato ragione alla famiglia della diva.

Secondo l’attrice i suoi cari non conoscono ancora la verità dei fatti e sono stati manipolati: “È un peccato che stiano perdendo così tanto tempo a farmi una guerra senza neanche avermi chiesto nulla sui fatti. Si sono messi nelle mani di certa gente ignobile”.

Ma Gina vuole lanciare un ultimo messaggio per tentare la riappacificazione:Il regalo più bello sarebbe che mio figlio e mio nipote si rendessero conto degli errori che hanno fatto, smettessero di farmi la guerra e venissero ad abbracciarmi.

Ne sarei felice”, conclude l’attrice.

Approfondisci

Gina Lollobrigida difende l’uomo che l’avrebbe truffata: “È come un figlio”

Un giorno in Pretura: dal 3 maggio con il processo di Gina Lollobrigida