ambulanza con vicino un medico per coronavirus

Dramma a Torino dove una donna e la sua bambina si sono lanciate dalla finestra del terzo piano della loro casa per sfuggire all’incendio che aveva invaso il loro appartamento.

Le due sono vive ma in condizioni gravi e sono al momento sottoposte alle cure d’emergenza di due strutture ospedaliere, l’ospedale Maria Vittoria ed il San Giovanni Bosco, entrambi ospedali torinesi.

Nessuna certezza sulla dinamica dell’incendio

Non si conosce ancora la dinamica dell’incendio che a quanto pare avrebbe devastato l’abitazione di una donna di 30 anni, che si trovava in casa con la piccola di 8 mesi.

Si sospetta che il fuoco sia divampato all’interno del vano ascensore, ma per ora nulla è confermato. Pare che l’ascensore fosse un vecchio apparecchio in legno. A quanto pare una donna anziana sarebbe rimasta intossicata dai fumi.

Tutto il palazzo sarebbe stato evacuato

La donna, a quanto pare, non vedendo alternative si è lanciata dal terzo piano, con in braccio la piccola. Il padre della bambina a quanto pare era al lavoro al momento del dramma. Sul posto sono arrivati immediatamente i vigili del fuoco e le ambulanze: a quanto pare l’incendio si sarebbe propagato in tutti i quattro piani dell’edificio (sito in via Rondissone) e per questo motivo i vigili del fuoco hanno provveduto a far evacuare velocemente 15 famiglie.

Portate in due ospedali diversi

Non si conoscono neanche, al momento, le condizioni di madre e figlia: le due sono state ricoverate in codice rosso, la madre all’ospedale San Giovanni Bosco e la piccola al Maria Vittoria (ma si parla di un probabile trasferimento al Regina Margherita).

Gravi madre e figlia

La donna avrebbe riportato numerose fratture e sarebbe in procinto di essere portata in sala operatoria.

Preoccupa la situazione della piccola, che avrebbe avuto un trauma neurologico ed al momento sarebbe tubata e sotto sedazione.