dottoressa per coronavirus

Torniamo finalmente a respirare, la situazione va meglio – sono state le parole rilasciate a Centocittà, programma radio in onda su Rai Radio1, pronunciate da Pierpaolo Sileri riguardo l’epidemia di Coronavirus che imperversa l’Italia e il mondo da ormai quasi 4 mesi – Anche dopo le riaperture, la paura di una seconda ondata del virus non sembrerebbe esserci“.

Coronavirus: il bollettino del 15 giugno

Di questi momenti tutti gli ultimi aggiornamenti sull’epidemia di Coronavirus con i numeri del contagio aggiornati alla data del 15 giugno, a quasi 4 mesi dallo scoppio dell’epidemia di Covid-19 in Italia.

Di questi momenti l’ultimo bollettino della Protezione Civile: calano ancora e vistosamente i deceduti per Covid-19, oggi sono stati solamente 26 i casi registrati nelle ultime 24 ore per un totale di vittime che non supera i 34.317 casi.

Sileri sulla seconda ondata: “Non sembrerebbe esserci

Ancora alto, di pari passo, il numero dei nuovi casi di contagio fermo oltre i 300: 303 i casi registrati i 24 ore per un totale di persone attualmente positive in Italia pari a 25.909. 640 le persone guarite in data odierna e annotate nel bollettino della Protezione Civile per un totale di 177.010 guariti.

Dall’inizio dell’epidemia ad oggi, sono 237.290 le persone che nella sola Italia hanno contratto il Covid-19.

Come dicevamo in prima battuta, è tornato ad esprimersi sull’andamento dell’epidemia e su quello che gli italiani devono aspettarsi Sileri stesso, viceministro della Salute. Come riportato da Ansa: “Le misure vengono rispettate, dal distanziamento al lavaggio delle mani, tuttavia serve un monitoraggio attento – sono state le parole di Sileri – Avere l’agognato vaccino contro il Coronavirus consentirà di limitare i danni, è prematuro pensare di poterlo già avere a settembre ma potrebbe arrivare per fine anno o inizio 2021“.

Approfondisci

TUTTO SUL CORONAVIRUS

Coronavirus, Speranza sul vaccino: “Sarà gratis. Si comincia dalle classi più a rischio”

Coronavirus, l’annuncio del ministro Speranza: firmato il contratto per il vaccino di Oxford