La madre di Amanda a La Vita in Diretta

Si aggiungono nuovi dettagli alla drammatica vicenda di Amanda, la 22enne finita in terapia intensiva dopo esser stata spinta in mare dal suo ragazzo Gennaro. Ora che le condizioni di salute della giovane sembrano migliorare, a La Vita in Diretta la madre e il suo soccorritore aiutano a ricostruire la storia di questa relazione sfociata nella violenza.

La gelosia del ragazzo di Amanda

“Una ragazza fragile e innamorata”. Con queste parole la madre di Amanda descrive la giovane, dopo essere andata a trovarla al Policlinico Federico II. La donna è basita dalle domande poste dalla figlia.

Tutto il tempo mi ha chiesto di Gennaro, non sa che sia in prigione”, spiega la donna, che non conosce di persona il fidanzato di Amanda. “Conosco di Gennaro non di persona, ma per telefono, e vi dico questo, nel periodo del Covid mia figlia ha fatto una quarantena d’inferno, lui la disturbava dalla mattina alla sera. Gennaro viene tratteggiato come un ragazzo geloso, assillante.

Il racconto del soccorritore

La madre di Amanda ha avuto modo di incontrare Damiano, il soccorritore della giovane. Il buttafuori ha raccontato a La Vita in Diretta la dinamica degli eventi consumati nella notte dell’11 giugno.

Damiano lavora nel locale in cui si trovavano Amanda e Gennaro, e ricorda che “stavano già discutendo tutti e due”. La coppia è poi uscita dal locale e si è incamminata verso la macchina. “Nel frattempo mi giro perché stavano uscendo dei clienti”, spiega Damiano, e in quell’attimo di distrazione Gennaro deve aver spinto Amanda dal molo giù nel mare, contro gli scogli. La reazione di Damiano è stata rapida: il giovane si è tuffato per soccorrere la giovane.

“Mi sono buttato subito, l’ho appoggiata sugli scogli”, racconta, mostrando una piccola ferita alla gamba che ti è procurato per salvare Amanda. “Anche se mi rompevo una gamba non mi fregava”, afferma.

Nessuno si è buttato a salvare Amanda

A lasciar sbalordito Damiano è l’immobilità degli altri passanti presenti sul molo. “C’erano una quindicina di persone e nessuno si è buttato – racconta – forse avevano paura”. Damiano è fiero del suo intervento: “Mi ha fatto emozionare, è una ragazza di 22 anni, doveva vivere per forza.

Intanto il fidanzato Gennaro è in stato di fermo in carcere. Il suo avvocato riferisce che la famiglia è molto abbattuta e farà qualsiasi cosa per aiutare Amanda.