donna croce rossa italiana di spalle

Tutti gli ultimi aggiornamenti sui numeri del contagio da Coronavirus in Italia nell’ultimo bollettino diffuso dalla Protezione Civile e aggiornato ad oggi, 16 giugno. Intanto, di questa mattina, il report redatto dall’Iss, Istituto Superiore di Sanità, con un’analisi dettagliata sulle vittime del Covid-19 in territorio nazionale.

Coronavirus: il bollettino del 16 giugno

Continua a dover essere aggiornato di giorno in giorno, anche a distanza di lunghi mesi dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus in Italia risalente all’ormai scorso febbraio, il bilancio di nuovi contagi, decessi e guariti per Sars-CoV-2 in Italia. Secondo quanto diffuso quest’oggi nel bollettino della Protezione Civile, sono 210 i nuovi casi di contagio in Italia registrati in queste ultime 24 ore per un complessivo numero di 24.569 casi di persone attualmente positive.

34 il numero di vittime che va ad aggiungersi al totale di ieri salito oggi a quota 34.405. 1.516 i guariti in Italia, per un totale di casi che ammonta ora a 178.526.

Iss: più alta l’età media delle vittime di Covid-19

Operosa da mesi a riguardo, l’Iss ha recentemente diffuso un ultimo report che tratta nel dettaglio un’analisi sul profilo delle vittime del Covid-19 in Italia.

Secondo quanto si evince dal report dell’Istituto Superiore di Sanità: “L’età media dei deceduti positivi al Covid-19 è andata progressivamente crescendo da marzo a giugno, al punto che se si prendono i dati prima del 4 maggio e dopo questa data di passa da 79,8 a 82,5 anni. Lo ha rilevato uno studio dell’Istituto Superiore di Sanità – si legge sempre nel report – secondo cui il fenomeno potrebbe essere dovuto a una serie di fattori legati all’assistenza sanitaria, da una migliore capacità di trattamento dell’infezione ad una migliore organizzazione nel contrasto dell’epidemia“.

Approfondisci

TUTTO SUL CORONAVIRUS

Coronavirus, Speranza sul vaccino: “Sarà gratis. Si comincia dalle classi più a rischio”

Coronavirus, l’annuncio del ministro Speranza: firmato il contratto per il vaccino di Oxford