Il mondo della letteratura ha perso una delle sue stelle più brillanti: è morto a 55 anni Carlos Ruiz Zafon, autore del best seller L’Ombra del Vento.

È stata la sua casa editrice, la Planeta, a dare il tristissimo annuncio: Oggi è un giorno molto triste per tutta la casa editrice: nei vent’anni in cui ci siamo conosciuti e abbiamo lavorato insieme, si è creata un’amicizia che trascende il rapporto professionale”.

Era malato da tempo

Zafon era malato da tempo, e si trovava a Los Angeles. Zafon, scrittore catalano, è stato un autore piuttosto prolifico: nel 2001 ha pubblicato il suo successo mondiale, L’ombra del Vento, che lo ha portato a sviluppare la storia in una quadrifonia formata dai romanzi Il Gioco dell’Angelo, Il Prigioniero del Cielo ed Il Labirinto degli Spiriti.

I romanzi di Zafon hanno avuto un enorme successo anche in Italia.

La dedica su Twitter

Sul suo profilo twitter ufficiale è spuntata 41 minuti fa una dedica che comincia con una sua citazione da L’Ombra del Vento: “Ogni libro, ogni tomo che vedete, ha un’anima. L’anima di chi lo ha scritto, e l’anima di quelli che lo hanno letto e vissuto e sognato con esso”.

Poi, una frase di addio per lo scritto: “Oggi è scomparso Carlos Ruiz Zdfon, a Los Angeles, per un cancro. Continueremo a sognare con ogni parola che ha scritto”.

Il ruolo di Zafon a livello letterario

Zafon, insieme ad altri scrittori della sua generazione, ha dato il via ad una sorta di nuovo genere letterario. Nelle sue opere, fin dalla prima (e più famosa) la storia si concentra sul mostrare fantasy ed elementi estremamente realistico.

Un ruolo fondamentale nei suoi romanzi è dato proprio al concetto di libro: i libri sono i protagonisti delle sue storie, hanno un ruolo attivo e mostrano come la letteratura e la lettura stessa abbiano un potere attivo sulle persone, e di come influenzino la loro vita e le loro emozioni, nonché la crescita personale.