volante della polizia

Dramma questa mattina a Torino, dove una donna di 33 anni ha ucciso la madre di 60 per poi gettarsi dal balcone. A dare l’allarme è stato il fidanzato della donna più giovane. Al momento indaga la polizia che ha già una pista.

Uccide la madre e si getta dal balcone

Il dramma si è consumato alle prime luci dell’alba di domenica, probabilmente tra le 5 e le 6, secondo le testimonianze raccolte dagli inquirenti, madre e figlia hanno avuto un’accesa discussione che è poi degenerata nella violenza. La figlia ha ucciso la madre con diverse coltellate, dopodiché, probabilmente in stato di coscienza ancora alterato, si è gettata dal balcone sito al nono piano della palazzina in corso Racconigi.

L’allarme è stato dato dal fidanzato della 33enne allertato dalla madre, ancora viva ma agonizzante dopo le ferite inferte dalla figlia, che chiedeva aiuto.

Si è gettata dal balcone all’arrivo della polizia

Stando sempre alla ricostruzione effettuata fino ad ora, il fidanzato della figlia ha allertato polizia e ambulanza intorno alle 7 del mattino, purtroppo al loro arrivo, gli operatori del 118 non hanno potuto fare altro che constatare il decesso della 60enne.

La figlia era ancora viva al momento dell’arrivo degli agenti di polizia, quando li ha sentiti suonare si è gettata dal balcone.

Secondo quanto riferisce La Repubblica, alcuni testimoni hanno riferito di aver sentito la giovane gridare aiuto durante la fatale caduta.

Problemi psichici

Stando sempre alle prime informazioni riportate, la donna autrice del gesto soffriva di gravi problemi psichici che possono aver influito nello scatenare il dramma.