ennio morricone in primo piano alla festa degli oscar

È un lutto destinato a lasciare un vuoto incolmabile. È giunta ora notizia della scomparsa di Ennio Morricone, compositore, musicista, direttore d’orchestra di fama internazionale che indelebilmente segnato con le sue note la storia della musica e del cinema, creando colonne sonore destinate ad essere immortali. E’ morto nella notte in una clinica romana a seguito di una caduta. Il premio Oscar Ennio Morricone aveva 91 anni e qualche giorno fa si era rotto il femore.

Ennio Morricone, colonna sonora del cinema

Per un pugno di dollari, Nuovo Cinema Paradiso, Gli intoccabili, La leggenda del pianista sull’oceano: cult del cinema che con le loro colonne sonore hanno toccato l’apice dell’immortalità e dietro, la mente, è sempre stata lui: Ennio Morricone.

Il celebre compositore, pilastro portante della musica mondiale, si è spento all’età di 91 anni.

Riscrisse la musica e la rese immortale

Classe 1928, Ennio Morricone nacque a Roma il 10 novembre maturando sin dalla tenera età la passione per la musica, trasmessa dal padre, un trombettista, che lo ha portato sull’Olimpo della fama. Difficilissimo ad oggi fare una cernita dei brani più famosi che ha iniziato a comporre sin dal 1955: sul suo curriculum sono segnate più di 500 musiche, destinate a vario titolo alcune a film, altre a serie tv.

Per tutti tra i più influenti compositori di colonne sonore di tutti i tempi, un titolo indiscutibile e riconosciuto in tutto il globo. Delle 500 musiche destinate a cinema e televisione, 60 di queste fanno parte di film che hanno conquistato il pubblico aggiudicandosi premi ed oscar.

L’Oscar onorario alla carriera

Per non parlare della sua versatilità, del suo estro musicale in ambito classico con il quale ha contribuito al successo di altre icone quali Sergio Leone, Brian De Palma, Quentin Tarantino.

Era il 2007 quando proprio Morricone saliva sul palco a ritirare il prestigiossimo premio Oscar onorario alla carriera, per “i suoi contributi magnifici all’arte della musica da film“, consegnatoli personalmente da un visibilmente emozionato Clint Eastwood. Premio arrivato su forte richiesta: prima del 2007 infatti, Morricone aveva già ricevuto 5 candidature. Il suo nome, doverosamente, si trova inciso anche tra le stelle di Hollywood, sulla Walk of Fame di Los Angeles.

Nastri d’argento, Golden Globes, Grammy Awards: la collezione di successi

Il suo primissimo premio, il Nastro d’argento, arrivò nel 1965 grazie alla colonna sonora del sopracitato Per un pugno di dollari, dell’amico Sergio Leone. E ancora, sempre spulciando il suo curriculum concentrandosi sui momento focali della sua esistenza, si annovera un secondo Oscar datato 2016 per The Hateful Eight, opera di Quentin Tarantino.

E ancora: 3 Grammy Awards, ben 4 Golden Globes, 6 BAFTA – British Academy of Film and Television Arts- 10 incredibili David di Donatello, 11 European Film Awards nonché un Leone d’Oro alla carriera, consegnatoli nel 1995 nel corso della 52esima Mostra del cinema di Venezia, e un Polar Music Prize.

Per quanto riguarda quest’ultimo premio, consegnatoli dall’Accademia Reale svedese di musica, Ennio Morricone vanta il primato: nessun italiano prima di Morricone ha mai potuto vantare questo riconoscimento.

Se questi però sono i prestigiosi premi che luccicheranno per sempre, insieme all’eco delle sue note, ci sono tantissimi altri riconoscimenti che dagli ambiti più disparati hanno voluto conferirgli o che, come ad esempio per il gioco degli scacchi, Morricone è riuscito a guadagnarsi. Proprio Morricone detiene infatti la seconda categoria nazionale degli scacchi. E c’è chi, al grande maestro ha voluto anche dedicare una canzone come The Edge, il chitarrista del celebre gruppo irlandese degli U2 che ha così confidato di avergli dedicato la canzone Magnificent.