Jessica Lewis e Austin Wenner

Da Seattle una storia di orrori e interrogativi che tiene impegnate le autorità da giorni: fidanzati uccisi e fatti a pezzi, i cadaveri ritrovati in due trolley abbandonati sugli scogli. È la cronaca di un duplice omicidio dai contorni terribili che arriva dalla costa occidentale degli Stati Uniti, e che sarebbe stato scoperto per caso da due adolescenti: intenti a girare un video per TikTok, si sarebbero imbattuti nel macabro esito di un crimine ancora tutto da chiarire.

Fidanzati uccisi e fatti a pezzi

Sono stati identificati, secondo quanto riferito dalla Cnn, i cadaveri dei due giovani uccisi e fatti a pezzi a Seattle.

A quasi un mese dalla macabra scoperta dei resti, abbandonati in due valigie sugli scogli della spiaggia di Alki, la polizia sarebbe arrivata a dare un’identità alle giovani vittime.

Si tratta di Jessica Lewis, 36 anni e madre di 4 figli, e del suo fidanzato, il 27enne Austin Wenner. Il ritrovamento risale al 19 giugno scorso, ma il duplice omicidio, alla luce delle prime evidenze autoptiche, si sarebbe consumato giorni prima. I due giovani sarebbero stati uccisi a colpi di arma da fuoco, prima dello scempio finale sui loro corpi.

I resti scoperti da due giovani durante un video per TikTok

La data del 19 giugno è il punto di partenza sul tavolo di una delicata indagine per la polizia di Seattle. Risalirebbe a quel giorno, infatti, la terribile scoperta dei resti della coppia.

Stando a quanto emerso, come riporta l’emittente Kiro, a trovare i cadaveri, fatti a pezzi e nascosti in due trolley sugli scogli, sarebbero stati due adolescenti che stavano girando un video da mandare su TikTok.

I ragazzi, attirati dalla presenza delle valigie in prossimità dell’acqua, avrebbero allertato il 911 dopo aver visto il contenuto, finendo per accendere i riflettori su un giallo dai contorni dell’orrore.

I risultati delle autopsie

Secondo i risultati delle autopsie, riporta People, la donna sarebbe stata colpita più volte e il 27enne sarebbe stato ucciso da un solo colpo di arma da fuoco.

Qualcuno sa qualcosa e probabilmente sta nascondendo la verità“, ha dichiarato una zia della 36enne alla Cnn, dipingendo il ritratto di due persone dalla vita senza macchia e aggiungendo che la relazione tra loro andava avanti da anni, senza particolari criticità.

Tutti elementi che confluiscono nel tessuto di un’inchiesta che la polizia conta di risolvere nel più breve tempo possibile.