coronavirus medico in piazza

Al 16 luglio la situazione italiana legata al Coronavirus registra un nuovo picco di casi di contagio: dai 162 nuovi casi accertati di Covid registrati il 15 luglio, si registra un dato molto più alto in giornata odierna. Sono infatti 230 i nuovi casi riportati nel bollettino del 16 luglio. Un bollettino, quello della Protezione Civile, che registra anche l’aumento, nell’arco di 24 ore, delle vittime.

Coronavirus: oltre 35mila morti in Italia

Sono dati in aumento quelli riportati in data odierna nell’ultimo bollettino della Protezione Civile diffuso dal Ministero della Salute.

230 i nuovi casi di contagio in Italia per un totale di 12.473 persone attualmente positive in Italia al Coronavirus. Di queste, ad oggi 11.670 si trovano in isolamento domiciliare; 53 in terapia intensiva e 750 ricoverate invece con sintomi in ospedale.

Speranza: firmata nuova ordinanza

Con i numeri di oggi, aumenta anche il bilancio dei decessi: 35.017 in tutto dall’inizio dell’epidemia in Italia con l’aggiunta, in data odierna, di 20 nuovi decessi nell’arco di 24 ore. Costantemente in crescita il numero delle persone guarite: 230 nelle ultime ore per un totale di 196.246.

Sempre di oggi anche la notizia che riguarda da vicino il ministro della Salute Roberto Speranza, firmatario oggi di una nuova ordinanza.

roberto speranza post
Il post Facebook di Roberto Speranza. Fonte: Facebook

La comunicazione del ministro arriva anche via Facebook: “Ho firmato una nuova ordinanza che aggiunge Serbia, Montenegro e Kosovo alla lista dei Paesi a rischio“. Le indicazioni del ministro ai cittadini che hanno viaggiato nei Paesi indicati negli ultimi 14 giorni: “Chi è stato negli ultimi 14 giorni in questi territori ha il divieto di ingresso e transito in Italia.

Nel mondo l’epidemia è nella fare più dura. Serve la massima prudenza per difendere i progressi che abbiamo fatto finora“.

Approfondisci

TUTTO SUL CORONAVIRUS

Coronavirus, parla Fauci: il vaccino sarà disponibile tra un anno e mezzo circa

Coronavirus, nuovo decreto per l’emergenza: le misure fino al 31 luglio