ospedale con medici dentro

230 nuovi casi di contagio nella giornata di giovedì 16 luglio, 233 quelli nella giornata odierna, 17 luglio: un trend alto e stabile quello che riguarda i nuovi positivi in Italia. Tutti i dati diffuso nell’ultimo bollettino aggiornato dalla Protezione Civile, operativa nel costante monitoraggio della situazione legata all’epidemia di Coronavirus.

Coronavirus, calano i morti: 233 i nuovi casi di contagio

243.967 i casi di Coronavirus in Italia dallo scoppio dell’epidemia, divenuta poi pandemia globale. 233 i nuovi casi di contagio, +3 rispetto alla giornata di ieri per un totale di 12.456 persone attualmente positive.

Di queste, 11.635 si trovano in isolamento domiciliare; 50 in terapia intensiva e 771 ricoverate in ospedale con sintomi. Bilancio al ribasso quello dei morti che ieri, in tutto, hanno superato la soglia dei 35mila. 11 le vittime registrate nelle ultime 24 ore per un totale di 35.028 morti in tutto. Sempre in crescita però anche il dato che riguarda le persone guarite: 237 nelle ultime 24 ore.

Focolaio di Covid19 nel savonese: “18 nuovi casi in un ristorante

Notizia di questi momenti arriva dai canali social del Governatore della Regione Liguria, Giovanni Toti: “Nel savonese ci sono 18 nuovi casi di Covid19.

In un ristorante di Savona si sono incrociati 2 tavoli che nei giorni successivi hanno manifestato sintomi e da qui discendono gli altri casi – spiega Toti su Twitter discorrendo sul cluster rintracciato a Savona – Le persone coinvolte sono monitorate e isolate, nessun caso al momento desta preoccupazione“. Notizia a cui segui successivamente la puntualizzazione sempre dello stesso governatore che parla di un caso isolato in un quadro ligure dal bilancio positivo.

Tweet di Giovanni Toti sui casi di Covid a Savona
Il tweet di Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria, sul cluster nel savonese. Fonte: Twitter

Approfondisci

TUTTO SUL CORONAVIRUS

Zaia e gli stranieri infetti in Veneto: “Vanno fermati”

Coronavirus, parla Fauci: il vaccino sarà disponibile tra un anno e mezzo circa