polizia e un'ambulanza

Sono circa 90 le persone che si trovano ora forzatamente in quarantena per probabile contagio di Coronavirus a Enna, in Sicilia. Ad accomunarli la partecipazione allo stesso matrimonio ove uno degli invitati, successivamente alla celebrazione, è risultato positivo.

Coronavirus, 90 persone in quarantena dopo un matrimonio

Preoccupazione per quello che potrebbe essere un nuovo focolaio di Coronavirus recentemente scoppiato in Sicilia, precisamente a Nicosia in provincia di Enna dove ha avuto luogo un matrimonio con un centinaio di invitati. A scatenare l’allarme la positività al test di un uomo, tra gli invitati al matrimonio.

Dopo aver viaggiato dall’Italia alla Germania nei giorni seguenti la celebrazione, l’uomo è stato ricoverato in ospedale a causa di alcuni sintomi sospetti e sottoposto a test per il Coronavirus è risultato positivo.

Già risultata positiva un’invitata

Diramata immediatamente la notizia, sono stati richiamati tutte le persone che hanno preso parte al matrimonio con l’obbligo di sottoporsi a tampone. Secondo quanto diramato dalle testate locali, una delle invitate già sarebbe risultata positiva al Covid e trasferita in ospedale a Catania dove è stata successivamente ricoverata. La donna, positiva ma asintomatica, sarebbe entrata a stretto contatto con l’uomo in quanto sua congiunta.

Per quanto riguarda gli altri 90 invitati, in attesa dell’esito dei tamponi, per tutti è scattata la quarantena precauzionale presso il proprio domicilio.

L’annuncio del sindaco di Nicosia

Di queste ore la comunicazione del sindaco di Nicosia, Luigi Bonelli: “Informo I cittadini che l’ufficio di Igiene pubblica ha ricostruito i contatti che le due persone contagiate hanno avuto nei giorni precedenti e soprattutto i contatti avuti nella giornata del matrimonio ( circa 95 fra invitati, celebranti in chiesa, fotografi, parrucchieri, parenti ecc) – ha scritto il primo cittadino su Facebook – PER TUTTI COSTORO È STATA EMESSA ORDINANZA DI QUARANTENA OBBLIGATORIA.

Inoltre già da stamattina l’ufficio di Igiene ha cominciato ad effettuare tamponi per tutte le persone ritenute a rischio“.

Post Facebook di Luigi Bonelli sindaco di Nicosia
Il post del sindaco di Nicosia, Luigi Bonelli. Fonte: Facebook

Approfondisci:

TUTTO SUL CORONAVIRUS

Andrea Bocelli, dopo la bufera chiede scusa: “Le mie intenzioni erano tutt’altre”

Coronavirus, la Russia dice che il vaccino sarà pronto entro 10 agosto