matteo salvini in primo piano

Di questi momenti la notizia che vede al centro dell’attenzione il leader della Lega Matteo Salvini sul quale è stato chiamato ad esprimersi oggi il Senato. Arriva l’autorizzazione a procedere con il processo nei confronti del leader del Carroccio come precedentemente chiesto dal tribunale dei ministri di Palermo.

Open Arms: c’è il sì, Matteo Salvini a processo

Quanto avvennero i fatti, Matteo Salvini si trovava al Governo nel ruolo di ministro dell’Interno. Con 149 voti favorevoli e 141 contrari (1 solo astenuto all’appello), il Senato acconsente alla richiesta formulata dal tribunale dei ministri di Palermo che chiese autorizzazione al processo nei confronti di Salvini accusato di “sequestro plurimo di persona e aggravato.

Immediato il commento di Matteo Salvini arrivato via Twitter: “Mandandomi a processo mi fanno un gran regalo – scrive Salvini – ma a differenza di altri io ci vado a testa alta e con la schiena dritta. GRAZIE Amici. Sempre a difesa dell’Italia, sempre!“.

i tweet di matteo salvini
I tweet di Matteo Salvini dopo la decisione presa dal Senato sull’autorizzazione a procedere nei suoi confronti con il processo per i fatti legati alla Open Arms.
Fonte: Twitter

L’immediata reazione di Salvini: “Lo rifarei e lo rifarò

Pochi attimi prima della reazione, la stessa comunicazione filtrata proprio dal profilo del leader politico: “Il Senato ha votato per mandarmi a processo. contro di me festeggiano i Palamara, i vigliacchi, gli scafisti e chi ha preferito la poltrona alla dignità. Sono orgoglioso di aver difeso l’Italia: lo rifarei e lo rifarò, anche perché solo in questo luglio – aggiunge Salvini – gli sbarchi sono sei volte quelli dello stesso periodo di un anno fa, con la Lega al governo.

Vado avanti, a testa alta e con la coscienza pulita, guarderò tranquillo i miei figli negli occhi perché ho fatto il mio dovere con determinazione e buonsenso“.

Approfondisci

TUTTO SU MATTEO SALVINI

Matteo Salvini, nuova richiesta di processo per il caso Open Arms

Open Arms, la Procura sequestra la nave e ordina lo sbarco