Giulia Muscariello ha salvato la sua amica Chiara Memoli da un incidente, perdendo una gamba. L’amica, per ringraziarla, avvia una raccolta fondi per le spese mediche

Quando si son viste piombare addosso un’auto, a Nocera Superiore, ha avuto i riflessi pronti per salvare la sua migliore amica. L’ha spinta di lato, salvandole la vita. Purtroppo, lei non ha avuto la stessa fortuna. L’auto ha colpito lei, facendole perdere una gamba. Per ringraziarla del suo gesto eroico, la migliore amica ha avviato una raccolta fondi online che in pochi giorni ha raccolto più di 31mila euro. Il ragazzo alla guida dell’auto che ha provocato l’incidente è ora indagato per lesioni gravissime. Una settimana dopo, un incidente simile è costato la vita ad una 15enne a Napoli.

Sacrifica una gamba per salvare l’amica

Giulia Muscariello, 18enne di Cava de’ Tirreni (Salerno), ha sacrificato la sua gamba sinistra per salvare la vita della sua migliore amica, Chiara Memoli. Venerdì 31 luglio le due ragazze son rimaste vittime di un incidente stradale, mentre attendevano i loro genitori fuori dal McDonald’s in via Nazionale, a Nocera Superiore. Erano sedute su un muretto, intorno alle 3 di notte, dopo una festa. All’improvviso un’auto è piombata su di loro. Muscariello ha fatto appena in tempo a spingere di lato l’amica, salvandole così la vita, ma a caro prezzo.

L’auto ha colpito solo lei. In ospedale, i medici hanno dovuto amputare la sua gamba sinistra per salvarle la vita. Chiara Memoli, per ringraziare la migliore amica del suo gesto provvidenziale, ha quindi lanciato una raccolta fondi online. In soli 2 giorni, ha raccolto più di 31mila euro, che serviranno alla famiglia Muscariello per sostenere le spese.

Raccolti più di 30mila euro

“Eravamo sedute su un muretto, quando all’improvviso siamo state investite da un’auto. Giulia, seduta accanto a me, si è resa conto per prima del pericolo, e mi ha spinto salvandomi dal drammatico impatto.

Io sono rimasta illesa ma la gamba sinistra di Giulia è rimasta compromessa. I sanitari, vista la grave situazione, pur di salvare la vita di Giulia, hanno deciso per l’amputazione. Ho deciso di organizzare questa raccolta per sostenere Giulia e la sua famiglia in tutte le spese che dovranno affrontare e per assicurarle il futuro che merita senza limitazioni. Giulia ha 18 anni, ha ancora una vita davanti e sogna di fare tantissime cose.

Ed io voglio fare in modo che possa prendere in mano la sua vita, realizzare tutti i suoi sogni ed esprimerle gratitudine per il suo gesto eroico”, ha scritto Chiara Memoli sulla pagina di crowdfunding. Più di 1000 persone hanno risposto generosamente all’appello.