Sabrina Beccalli sorridente, primo piano

Di Sabrina Beccalli, 39 anni, non si sa nulla dal giorno di Ferragosto. Dopo aver lasciato il figlio di 15 anni da alcuni amici è scomparsa senza lasciare traccia. Le ricerche sono scattate dopo che l’auto della donna è stata ritrovata completamente carbonizzata. Dopo il ritrovamento i carabinieri hanno tentato di mettersi il contatto con Sabrina, senza successo, e poi con la sua famiglia ma senza che il fratello e le sorelle potessero dire dove si trovasse. La famiglia teme il peggio.

Le parole delle sorelle

Ho sentito mia sorella venerdì scorso.

Mi ha detto che il giorno dopo sarebbe andata in piscina ad Antegnate con il figlio e con un amico del ragazzo. Da allora più nulla. Era felice, aveva trovato un lavoro in una cooperativa che confeziona cosmetici“, dice Teresa, una delle sorelle, e riporta Il Giorno. Anche il parroco di S. Bernardino e Vergonzana sottolinea come la donna sembrasse felice, nelle ore precedenti la scomparsa e di come vivesse per il figlio, difficile quindi che volesse lasciarlo solo volutamente.

I timori della famiglia ora sono sempre più terribili. “Ci siamo fatti l’idea che l’abbiano uccisa.

Perché è strano e insolito che non si sia messa in contatto con il figlio“, spiega infatti un’altra sorella, Simona.

Anche il fratello non si dà pace: “Ho saputo della scomparsa di mia sorella solo domenica, quando sono tornato dalla Croazia. Non so cosa pensare“, ha riferito.

Le indagini in corso

Cosa è successo veramente a Sabrina Beccalli? Il tenente colonnello Lorenzo Carlo Maria Repetto, comandante del Nucleo operativo del comando provinciale dei carabinieri di Cremona, ha spiegato che “Allo stato attuale non viene esclusa alcuna ipotesi“, riporta Il Fatto Quotidiano.

Da ore si cerca nel territorio del Cremasco, tra Soncino e Rivolta d’Adda ma anche Vergonzana e Madignano, dove, secondo quanto diffuso da Crema Onlinegli uomini delle Forze dell’Ordine starebbero perlustrando il terreno minuziosamente.