Controlli anti-Coronavirus in un aeroporto

Dati altalenanti quelli che emergono dal bollettino sull’emergenza Coronavirus in Italia di oggi, 29 agosto 2020. Da un lato, resta stabile il numero dei nuovi contagi, ma crescono ancora i ricoveri in terapia intensiva. Morti al minimo storico, vicinissimi alla tanto agognata quota 0. Intanto, sul fronte vaccini sembra sempre più vicino il momento della verità.

Coronavirus, il bollettino del 29 agosto 2020

Dai dati emersi e comunicati dal Ministero della Salute, si intravede uno sforzo concreto di tracciare con attenzione la pandemia da Covid-19 in Italia: continuano a salire infatti i tamponi giornalieri fatti, saliti oggi alla nuova cifra record di 99.108.

Il dato più importante di oggi riguarda ancora quello dei nuovi casi di contagio: +1444, in leggera flessione rispetto alla giornata di ieri. Calano anche i ricoveri in ospedali (-10), ma non quelli in terapia intensiva, che aumentano invece di 5. Sono 79 in tutto i malati in terapia intensiva e 1.168 quelli in ricovero ordinario.

Giornata quasi storica invece per il numero dei decessi da Coronavirus in Italia: in 24h è stato registrato 1 morto; nei giorni scorsi sono emersi studi che sottolineano il perché il virus potrebbe aver perso la sua alta pericolosità mortale.

Infine, sono 1322 i guariti di oggi, per un totale di 208.224 dall’inizio dell’emergenza.

Il vaccino potrebbe arrivare a Settembre

C’è attesa e timore intanto per l’arrivo dell’ormai celebre vaccino, in fase di test sull’uomo in numerosi paesi del mondo, Italia compresa. Intervistato da Adnkronos, Piero Di Lorenzo, amministratore e presidente di Irbm, azienda operante nella biotecnologia molecolare, ha riferito che “dalla fine di settembre qualunque momento è buono” per l’inizio della distribuzione del vaccino.

A distribuire il vaccino sarà AstraZeneca, che ha firmato con l’UE un accordo.

Continuiamo a fare il nostro lavoro che è quello della messa a punto delle dosi sperimentali – ha riferito Di Lorenzo – Incrociamo le dita“.

Approfondisci

TUTTO sull’emergenza Coronavirus