Militare della Guardia Costiera muore per salvare un 15enne dall'annegamento

Era scomparso ieri, sabato 26 settembre, il militare della Guardia Costiera di Milazzo. Si era tuffato per salvare la vita ad un 15enne che rischiava di annegare, scomparendo poi fra le onde. Oggi il mare ha restituito il suo cadavere. La città di Milazzo (Messina) ha annullato la visita di Luigi Di Maio in segno di rispetto verso la famiglia del defunto. Un caso analogo si è verificato in Sardegna lo scorso agosto.

Il sacrificio per salvare un ragazzo

Aurelio Visalli aveva 40 anni, era sposato e padre di 2 bambini.

Secondo capo della Guardia Costiera di Milazzo, ieri è scomparso in mare, al largo di Milazzo, dopo aver salvato la vita di un 15enne. Il ragazzo si era tuffato assieme ad un amico, nonostante il mare in burrasca. A circa 50 metri dalla costa, uno dei 2 ragazzi in difficoltà rischiava la morte per annegamento. Visalli e altri colleghi hanno così tratto in salvo i 2 adolescenti. Le onde, alte fino a 7 metri, hanno però sopraffatto il militare. Inghiottito dal mare, ha sacrificato la propria vita per salvare quella dei 2 giovani.

Il ritrovamento del cadavere

Le ricerche del militare si sono concluse questa mattina nel peggiore dei modi. Il 40enne non ce l’ha fatta: i suoi colleghi hanno ritrovato il suo corpo senza vita al largo della città nel Messinese, nella baia del Tono. Il giovane sottoufficiale è stato ripescato da una motovedetta della Capitaneria di porto, quasi 24 ore dopo il suo eroico salvataggio. I vigili del fuoco e la Capitaneria di Milazzo hanno confermato il decesso. Ora il cadavere si trova all’obitorio dell’ospedale di Milazzo.

Annullata la visita in città di Luigi Di Maio

La tragedia che oggi colpisce Milazzo ci lascia sgomenti”, scrive su Facebook la senatrice del M5S Barbara Floridia. “Un velo di tristezza è calato sul nostro comprensorio, per questo abbiamo ritenuto doveroso, per rispetto di Aurelio e della sua famiglia, sospendere la visita del ministro Luigi Di Maio che era prevista per oggi a Milazzo. Siamo dispiaciuti e addolorati per la tragedia accaduta al sottoufficiale della Capitaneria di Porto. Questo dolore ci ricorda però il profondo senso del dovere e la ricchezza di umanità che abita dentro molti italiani, molti nostri vicini, molti concittadini”.